AAA idee cercansi per gestire l’integrazione di energia, acqua e rifiuti in un’ottica di circular economy. Hanno risposto quasi tutti i 2.800 lavoratori di Siram Veolia, società leader in Italia nel settore, coinvolti nell’esperienza di innovazione collettiva che ha chiesto loro di promuovere progetti per far crescere l’azienda nelle procedure, ma anche nell’offerta di prodotti e servizi da proporre al mercato.

Sono cinque le soluzioni che accederanno alla fase di prototipazione nell’ambito dell’edizione Rainmakers di SiramL@B, il percorso creativo avviato nel 2019 che ha visto coinvolto il 99% dei dipendenti del Gruppo. Sviluppate oltre 400 idee di innovazione elaborate da 10 squadre di 67 persone ciascuna, suddivise in 17 linee tematiche. I progetti seguono due filoni distinti di innovazione. Il tipo ‘radicale’ che, toccando temi di ultima generazione come ad esempio artificial intelligence & Iot e smart building, sviluppa nuove metodologie di applicazione di tecnologie all’avanguardia dando vita a nuovi prodotti e servizi, nuove categorie di mercato e nuovi paradigmi tecnologici. E il tipo ‘incrementale’ che, attraverso soluzioni a progressione scalare, sviluppa paradigmi preesistenti attuando semplificazione e miglioramento continuo di processi e organizzazione ma anche di offerte e relazione con il cliente.

«SiramL@b – spiega Emanuela Trentin (nella foto in basso a destra), ad di Siram Veolia e promotrice dell’iniziativa – è un vero e proprio incubatore interno di idee. Chi meglio delle persone che vi lavorano può suggerire come infondere nuova vita in un’azienda? Immaginare un processo di cambiamento in un’organizzazione così diffusa ha richiesto un grande sforzo, soprattutto per elaborare una metodologia che potesse favorire il coinvolgimento di tutti e tenere conto del fatto che i contributi possono essere di diverso tipo. Siamo partiti dalla considerazione che l’innovazione non deve essere per forza ‘disruptive’ e procedere attraverso salti quantici, ma può essere anche graduale, senza trascurare i piccoli progressi».

I cinque progetti selezionati propongono nuovi prodotti o servizi oppure rendono più efficienti processi o soluzioni. Una delle idee nate con Rainmakers, per esempio, riguarda aspetti procedurali: una app ideata e creata da un gruppo di operai e tecnici di Siram Veolia per ridurre la burocrazia interna e rendere più efficiente la rendicontazione degli interventi straordinari.

Primo operatore in Italia nei servizi di efficienza energetica, Siram integra la gestione del ciclo integrato delle acque e dei rifiuti speciali per aziende private e la pubblica amministrazione. Società del gruppo Veolia, leader in Europa e nel mondo per i servizi ambientali, Siram concepisce, finanzia, realizza e gestisce progetti innovativi, con soluzioni eccellenti in termini di sostenibilità e basso impatto ambientale. Sono oltre 94.000 le tonnellate di CO2 risparmiate nell’ultimo anno grazie agli interventi di Siram Veolia; oltre 400 impianti di depurazione acque gestiti; 2.700 tonnellate di rifiuti speciali ospedalieri e 142mila tonnellate di rifiuti liquidi raccolti, movimentati e smaltiti.