Martedì 18 Giugno 2024
CLAUDIA MARIN
Economia

Alluvione, contributo di 5mila euro per riacquistare auto distrutte: la bozza del decreto

Ok del Cdm al testo con le misure per l’emergenza che ha colpito Emilia Romagna e Marche. Le misure sul tavolo

Roma, 23 maggio 2023 –  Il Consiglio dei ministri ha approvato il decreto legge maltempo, con misure per l'emergenza.

Dovrebbe arrivare un contributo di 5mila euro per l’acquisto di auto e veicoli distrutti dall’alluvione nelle aree colpite della Romagna e dell’Emilia.

Auto distrutte a Sant'Agata sul Santerno, in provincia di Ravenna (Foto: Max Cavallari)
Auto distrutte a Sant'Agata sul Santerno, in provincia di Ravenna (Foto: Max Cavallari)

La bozza del decreto prevede l’istituzione di un fondo, nello stato di previsione del Ministero delle imprese e dal made in Italy, per gli anni 2023 e 2024 “per la concessione di un contributo all’acquisto di veicoli non inquinanti al fine di sostenere le popolazioni colpite dagli eventi alluvionali verificatisi nel mese di maggio 2023 nella regione Emilia-Romagna”.

La bozza del decreto legge, nella parte sui contributi per l’acquisto di auto

Cosa dice la bozza

Nello specifico, si legge nella Relazione illustrativa, il contributo “è riconosciuto, nella misura di euro 5.000, alle persone fisiche che acquistano, anche in locazione finanziaria – a decorrere dalla data di entrata in vigore del presente decreto-legge ed entro il 31 dicembre 2024 – e immatricolano in Italia un veicolo di categoria M1 o N1 omologato in una classe non inferiore ad Euro 6, con contestuale rottamazione di un veicolo della medesima categoria distrutto o gravemente danneggiato in seguito agli eventi alluvionali”.

Si possono cumulare più incentivi?

Non solo. Si prevede anche “che il contributo può essere cumulato con altri incentivi, contributi o indennità, anche di natura assicurativa, percepiti per le medesime finalità, a condizione che tale cumulo non porti al superamento del costo sostenuto”.

Il sostegno all’acquisto, si spiega, “è corrisposto all’acquirente dal venditore mediante compensazione con il prezzo di acquisto e recuperato dal venditore quale credito d'imposta, utilizzabile esclusivamente in compensazione”. Per l’attuazione della misura, però, servirà un decreto attuativo interministeriale che dovrà essere approvato entra 30 giorni.