Sabato 20 Luglio 2024

Giorgia Meloni sceglie il rosa made in Italy per l’apertura del G7: ecco di chi sono vestito e scarpe

Per la premier – in tailleur con pantaloni a palazzo – solo marchi che utilizzano manodopera italiana. La presidente von der Leyen in perfetta armocromia

Roma, 13 giugno 2024 - Giorgia Meloni sceglie il rosa made in Italy per l’accoglienza dei leader e l’apertura dei lavori del G7 in Puglia. La presidente del Consiglio è arrivata a bordo di una 500 vintage cabriolet nella location di Borgo Egnazia dove ha luogo il summit in tailleur con giacca a un solo bottone e pantaloni a palazzo. Sotto, un top in maglia tono su tono, di un brand di San Zeno Naviglio, nel Bresciano, D.Exterior, che afferma di utilizzare solo manodopera italiana per la realizzazione dei capi.

Stessa cosa per le scarpe indossate dalla premier, una décolleté rosa antico del marchio marchigiano Loriblu.

Approfondisci:

G7, le notizie del secondo giorno. Il Papa scherza con Meloni: “Siamo ancora vivi”. Poi il discorso sull’IA

G7, le notizie del secondo giorno. Il Papa scherza con Meloni: “Siamo ancora vivi”. Poi il discorso sull’IA
ig
ig

Tra gli accessori, una spilla d'argento G7 appuntata sul petto.

Approfondisci:

Summit G7 oggi, big arrivati e Puglia blindata. Occhi puntati su Meloni, ma l’aborto è già un caso

Summit G7 oggi, big arrivati e Puglia blindata. Occhi puntati su Meloni, ma l’aborto è già un caso
Z4Z
Z4Z
Approfondisci:

La prima cena del G7 al Castello Svevo: location e menù. Biden affaticato, “non parteciperà”

La prima cena del G7 al Castello Svevo: location e menù. Biden affaticato, “non parteciperà”

La prima leader accolta da Meloni è stata la presidente uscente della Commissione europea Ursula von der Leyen, in perfetta armocromia con la premier italiana.

Anche von der Leyen ha infatti scelto toni pastello per l’arrivo alla masseria Borgo Egnazia – sede del vertice – con una giacca rosa chiaro, sulla stessa tonalità di quella della premier, e pantaloni color grigio. 

Le due leader si sono salutate con un sorriso e una formale stretta di mano. Subito dopo è arrivato il presidente del Consiglio europeo Charles Michel. A seguire i 7 ‘Grandi’.