ROMA Viaggi e spostamenti di Natale? Un ripasso non guasta. Le regole – a oggi– sono queste. In zona bianca ci si sposta liberamente all’interno del Paese, ma serve il Green pass per prendere l’aereo o i treni a lunga percorrenza. Se una regione dovesse passare in zona rossa o arancione, sarà necessario il Green pass anche...

ROMA

Viaggi e spostamenti di Natale? Un ripasso non guasta. Le regole – a oggi– sono queste. In zona bianca ci si sposta liberamente all’interno del Paese, ma serve il Green pass per prendere l’aereo o i treni a lunga percorrenza. Se una regione dovesse passare in zona rossa o arancione, sarà necessario il Green pass anche per spostarsi in entrata e in uscita. Chi arriva in Italia – come pure che gli italiani che tornano a casa – da un Paese Ue deve avere il certificato verde, mentre dagli altri Paesi è necessario anche un test molecolare o antigenico negativo nelle 72 ore precedenti (da 48 ore per gli ingressi dal Regno Unito). Il governatore siciliano Nello Musumueci ha appena varato una ulteriore stretta che resterà in vigore fino al 31 dicembre: dovranno sottoporsi al tampone nei porti e aeroporti siciliani anche i viaggiatori che arrivano dalla Germania e dal Regno Unito. Chi medita un Natale in spiaggia tenga presente che per Aruba, Maldive, Mauritius, Seychelles, Repubblica Dominicana, come pure per Sharm El Sheikh e Marsa Alam, sono aperti, fino a gennaio,"corridoi turistici Covid-free".

Chi pensa di andare all’estero restando in Europa tenga d’occhio fino all’ultimo le notizie e consideri che alcuni Paesi, come l’Austria, stanno riducendo i margini per i No vax imponendo un tampone molecolare per entrare nel Paese. Anche l’Ue è pronta a rivedere le proprie raccomandazioni sui viaggi: la validità dei tamponi potrebbe essere ridotta da 48 a 24 ore. La maggioranza degli italiani però resterà a casa. E la buona notizia è l’assenza (per ora) di restrizioni sia in zona bianca sia in zona gialla per pranzi e cenoni.

red. int.