Lunedì 17 Giugno 2024

"Troppi studenti italiani nelle classi tedesche" L’idea dell’assessore: serve il test d’ingresso

Migration

BOLZANO

Un test d’ingresso per gli studenti del gruppo linguistico italiano che vogliono accedere alle classi delle scuole in lingua tedesca, a Bolzano. È questa la proposta lanciata dall’assessora comunale alla scuola, Johanna Ramoser (foto). In Alto Adige ritorna il problema etnico tra i due gruppi linguistici che, sul tema della scuola, è particolarmente sentito. Soprattutto negli asili e nelle prime classi delle scuole elementari, già negli anni ‘70 e ‘80, c’era una selezione per l’accesso negli istituti di lingua tedesca. Ramoser, esponente della Suedtiroler Volkspartei, ha detto di ricevere proteste da parte dei genitori perché nelle classi si parla troppo in italiano e ha annunciato che scriverà agli assessori provinciali alla scuola dei due gruppi linguistici la proposta di inserite il test d’ingresso.

"Il test d’ingresso è surreale – spiega l’assessore provinciale in lingua italiana Giuliano Vettorato (Lega) –, c’è una Costituzione italiana che deve essere rispettata e l’articolo 19 dello Statuto d’autonomia indica che l’iscrizione di un alunno alle scuole della provincia di Bolzano avviene su istanza della famiglia senza nessun filtro. Lo Statuto è a tutela dei gruppi linguistici. Il Comune ha predisposto lo stradario dove il ragazzo deve andare nella scuola più vicina a dove risiede. In Alto Adige gli istituti in lingua italiana sono frequentati dal 22% di stranieri e quelli tedeschi dall’8%".