Giovedì 20 Giugno 2024

Trentino, trovata morta l'orsa F36. Responsabile di un inseguimento a escursionisti, Fugatti ne aveva ordinato l’abbattimento

“Ignote le cause del decesso”. Rinvenuta nella sera di ieri, in val Bondone, nel Comune di Sella Giudicarie. Era stata ‘salvata’ dal Tar, che aveva sospeso l’ordinanza dopo la protesta delle associazioni animaliste

Trentino, un orso (foto Ansa)

Trentino, un orso (foto Ansa)

Trento, 28 settembre 2023 - È stata rinvenuta nella sera di ieri, in val Bondone, nel Comune di Sella Giudicarie, la carcassa dell'orsa F36. L'accertamento del personale del corpo forestale trentino - si apprende - é scattato in seguito all'attivazione del sensore di mortalità di cui é dotato il radiocollare dell'orsa.

L'esemplare era stata identificata dalle analisi genetiche come la responsabile dell'aggressione avvenuta lo scorso 30 luglio in località Mandrel ai danni di due giovani e del falso attacco a una coppia di escursionisti registrato, il successivo 6 agosto, in località Dos del Gal.

A inizio settembre, il presidente della Provincia di Trento, Maurizio Fugatti, aveva firmato l'ordinanza di prelievo tramite abbattimento, poi sospesa dal Tar di Trento per il ricorso delle associazione animaliste.

Il recupero della carcassa, consegnata all'Istituto Zooprofilattico per gli accertamenti, si é svolto nella mattinata di oggi a causa della difficoltà nel raggiungere il punto di ritrovo. Da un primo esame esterno della carcassa non è stato possibile avanzare ipotesi sulla causa della morte.

Approfondisci:

La morte dell’orsa F36 e l’ipotesi di bracconaggio. Animalisti contro Fugatti: “Crea clima d’odio”

La morte dell’orsa F36 e l’ipotesi di bracconaggio. Animalisti contro Fugatti: “Crea clima d’odio”