Scarlattina, sintomi e 5 cose da sapere. Gli adulti si possono riammalare?

Scotti, segretario generale Fimmg: “Ecco perché tornano le malattie infettive dopo le epidemie e a quali segnali devono fare attenzione i genitori”

Scarlattina, sintomi e 5 cose da sapere
Scarlattina, sintomi e 5 cose da sapere

Roma, 28 ottobre 2023 – Scarlattina: in Italia non c’è allarme. Ma cosa sta succedendo? E quali precauzioni devono adottare i genitori, anche alla luce del picco di casi registrato in Gran Bretagna e dell’allerta lanciata da Bassetti? Lo abbiamo chiesto a Silvestro Scotti, segretario generale Fimmg e a Walter Marrocco, medico di famiglia a Palestrina (Roma).

Ecco 5 cose utilissime da sapere.

Approfondisci:

Scarlattina, allarme in Inghilterra. E in Italia? Bassetti: ecco i sintomi a cui stare attenti

Scarlattina, allarme in Inghilterra. E in Italia? Bassetti: ecco i sintomi a cui stare attenti

Premette Scotti: “In questo periodo stiamo osservando sicuramente una presenza di tonsilliti caratterizzate da fenomeni batterici, febbre alta, placche alla gola. Questo quadro può far pensare a un inizio di circolazione dello Streptococco.

1. Osservare bene la gola dei bambini

Ecco il primo consiglio per i genitori: “Osservare bene la gola dei bambini e segnalare al medico la presenza di placche, che sono un indice batterico – si raccomanda Scotti -. Quindi fare molta attenzione ai segnali della febbre, quella batterica provoca un affaticamento maggiore, i piccoli sono più stanchi e non hanno voglia di mangiare. Hanno sonnolenza e quando cala la febbre subiscono una forte perdita di liquidi. Si deve rimediare con soluzioni idrosaline”.

2. Curare l’alimentazione

Anche l’alimentazione deve essere molto curata, “piccoli pasti a grande contenuto energetico”,  è la seconda raccomandazione di Scotti.

3. Consigliato il tampone

Inoltre, è bene “verificare con il proprio medico curante la possibilità di fare il tampone, non ci sono controindicazioni, non è invasivo”.

4. Un adulto si può riammalare?

Ma un adulto si può riammalare?  “Sì, i casi non sono frequenti ma possono capitare – chiarisce Marrocco, medico di famiglia a Palestrina (Roma) -. Anche per questo è consigliato il tampone”.

A questo link tutte le info dell’ospedale Bambin Gesù

5. Perché si riaffacciano queste malattie?

E perché tornano a riaffacciarsi queste malattie? “In genere i casi sono legati molto alla frequentazione scolastica, vanno a ondate. Mi sono capitati a fine primavera. Il contagio avviene per contatto diretto o per la sospensione dello Streptococco nelle goccioline aeree, ma il contatto dev’essere ravvicinato”, premette Marrocco.

Ma c’è una regola di base che è bene ricordare. Chiarisce Scotti: “Le malattie infettive, di origine virale o batterica, riemergono sempre dopo la predominanza di epidemie”, che in qualche modo le hanno ‘oscurate’. Tornano quindi a farsi vive in questo momento, “mentre l’influenza è leggera e il Covid controllato. Perché il nostro sistema immunitario quando è attaccato produce sempre due modelli di anticorpi, quelli specifici che ci proteggono da una malattia in particolare e quelli generali”.

Clicca qui per iscriverti al canale WhatsApp di Qn