Consumazioni in bar e ristoranti all'aperto in zona gialla (Ansa)
Consumazioni in bar e ristoranti all'aperto in zona gialla (Ansa)

Roma, 16 aprile 2021 - Il Coronavirus è ben lontano dall'essere sconfitto, ma dal 26 aprile l'Italia comincerà a vedere un futuro più sereno. Il ritorno delle zone gialle (benché di un giallo rafforzato) dopo oltre un mese di stop porta con sè l'attesissimo calendario delle riaperture. Agli italiani stremati dal lockdown causa Covid il premier Mario Draghi in conferenza stampa ha elencato le novità in arrivo dal 26 aprile, con la road map decisa dal governo - dopo una serie di inevitabili mediazioni - che parla di 'rischio ragionato', e comunque per il momento predilige la scuola e le attività all'aperto.

Spostamenti tra regioni e tra comuni: cosa cambia dal 26 aprile 

Zona gialla dal 26 aprile: quali regioni possono riaprire

Covid: il bollettino del 17 aprile

Ecco una panoramica di cosa potremo tornare a fare: andare al cinema, a teatro e al ristorante (anche la sera ma solo fino alle 22), fare un tuffo in piscina, allenasi in palestra. E per i ragazzi, basta dad: scuola in presenza almeno nel mese prima delle vacanze. Non potremo fare tutto subito, ecco perché è utile segnare alcune date sul calendario. Resta invece il coprifuoco fissato alle 22.

image

Vaccini, a che punto siamo? Il report in Pdf

Capitolo a parte meritano gli spostamenti (sempre possibili tra le future zone gialle): tra le regioni di diverso colore ci si potrà muovere con la novità del pass per i vaccinati, i guariti o chi ha un test negativo. Intanto come ogni venerd arriva la mappa dei colori delle regioni: la Campania torna arancione.

26 aprile

Dal 26 aprile e fino alla conclusione dell'anno scolastico, nelle zone gialle e arancioni, la didattica sarà in presenza tutte le scuole di ogni ordine e grado. Sempre dal 26 in zona gialla riaprono ristoranti a pranzo e a cena solo con tavoli all'aperto, i musei, i teatri, cinema e spettacoli aperti con misure di limitazione della capienza. Per i ristoranti nelle linee guida stilate dalle Regioni (e che dovranno essere vagliate dal Cts) è stato proposto un metro di distanza nei ristoranti all'aperto o al chiuso - se la situazione pandemica lo consente - per aumentare a due laddove la condizione di diffusione del virus si dovesse aggravare.  

Teatri e cinema: spettatori distanziati e niente pop corn

Ristoranti e bar: a maggio tutti a tavola, servirà la prenotazione

15 maggio

Per le piscine occorrerà attendere il 15 maggio e la riapertura sarà consentita solo alle strutture all'aperto. Le linee guida proposte dalle Regioni chiedono prenotazioni per l'accesso alle piscine e liste da conservare almeno per 14 giorni, oltre a postazioni che permettano la distanza di almeno due metri tra le persone

Palestre e piscine: vietato fare la doccia, sì a lezioni individuali

image

1 giugno

Per giugno sono previste nuove linee guida e in base a queste ultime dal 1 giugno potranno riaprire i ristoranti con tavoli al chiuso (ma solo a pranzo) e le palestre.  Nelle linee guida delle Regioni è stato chiesto di regolamentare l'accesso agli attrezzi, delimitando le zone per garantire almeno un metro di distanza tra le persone che in quel momento non svolgono attività fisica e almeno due metri durante l'attività fisica e di evitare lo sport da contatto fisico

1 luglio

Dal 1 luglio via libera a le fiere e congressi, stabilimenti termali e parchi tematici. 


Queste decisioni, specificano fonti di palazzo Chigi, arriveranno con un nuovo decreto legge e con la modifica di alcune regole della zona gialla. Segnaliamo comunque che al chiuso gli spettacoli saranno consentiti con i limiti di capienza fissati per le sale dai protocolli anti contagio e che i musei saranno aperti in zona gialla.

Un pass per gli spostamenti

image

Saranno consentiti gli spostamenti tra regioni gialle e si introduce la novità del pass per gli spostamenti tra regioni di diverso colore. Il pass attesterà la sussistenza di una delle seguenti condizioni: avvenuta vaccinazione, esecuzione di un test covid negativo in un arco temporale da definire, avvenuta guarigione dal Covid. Chi ottiene il pass ha la possibilità di: spostarsi liberamente nel territorio nazionale e di accedere a determinati eventi (culturali, sportivi) riservati ai soggetti muniti del documento.  

Il Trentino apre dal 19

Il Trentino intanto anticipa le decisioni dell'Esecutivo. Da lunedì 19 aprile riaprono bar e ristoranti all'aperto dalle 5 alle 18: "è una prima sperimentazione". Prove teniche di in cambiamento dal quale tutti sperano di non tornare indietro.