Una palestra (Ansa)
Una palestra (Ansa)
Se c’è un settore che compete con i ristoranti per la gravità della crisi è quello degli impianti sportivi. I titolari di piscine e palestre spingono per riaprire a fine mese: nell’attesa di capire se il pressing andrà a buon fine, i tecnici, alla luce delle nuove disposizioni, stanno revisionando il protocollo messo a punto nel maggio scorso per la ripresa in sicurezza, su cui spetterà l’ultima parola al Cts. Riaperture...

Se c’è un settore che compete con i ristoranti per la gravità della crisi è quello degli impianti sportivi.

I titolari di piscine e palestre spingono per riaprire a fine mese: nell’attesa di capire se il pressing andrà a buon fine, i tecnici, alla luce delle nuove disposizioni, stanno revisionando il protocollo messo a punto nel maggio scorso per la ripresa in sicurezza, su cui spetterà l’ultima parola al Cts.

Riaperture ristoranti, palestre, cinema e teatri: la bozza delle Regioni

Zona arancione e zona rossa: i colori delle regioni e chi rischia

La prenotazione obbligatoria di corsi, vasche e sale, pare assodato, ci sarà anche per accedere a palestre e piscine.

Sono possibili solo lezioni individuali ed è prevista la misurazione della temperatura corporea all’ingresso dell’impianto.

In palestra è obbligatorio mantenere una distanza minima "adeguata all’intensità dell’esercizio – si legge nell’ultima bozza di protocollo – e comunque non inferiore a due metri da ogni altro atleta".

Sport e Covid, lo studio: rischi maggiori per chi non fa attività

Nelle piscine si arriva invece a 10 metri quadri a disposizione di ogni nuotatore. E’ obbligatoria la pulizia delle aree di contatto di ciascun attrezzo dopo ogni utilizzo da parte dell’utente con prodotto igienizzante. È vietato l’uso delle docce, mentre è obbligatorio l’uso di scarpe ad hoc per l’allenamento.

Bisogna evitare di lasciare in luoghi condivisi con altri gli indumenti indossati per l’attività fisica: questi vanno riposti in borse e, una volta tornati a casa, si consiglia di lavarli separatamente da altri indumenti.

I materiali usati vanno gettati in contenitori appositi ed è caldamente suggerito l’utilizzo di tappetini propri per l’attività fisica. Ove non fosse possibile, quelli comuni vanno igienizzati prima e dopo la sessione di allenamento.

Il calendario delle riaperture

Ristoranti e bar: a maggio tutti a tavola, servirà la prenotazione

Stadi e sport: il calcio fa da apripista, basket e volley al palo

Teatri e cinema: spettatori distanziati e niente pop corn

Commento Il passaporto di buona salute dividerà il Paese - di Chiara di Clemente

Leggi ancheSpostamenti tra regioni: la grande incognita