Sabato 22 Giugno 2024

Papa Francesco ha la febbre, cancellate tutte le udienze

Il Segretario di Stato vaticano, il cardinale Parolin, rassicura: “Era stanco. Ieri ha avuto una giornata molto molto intensa”

Città del Vaticano, 26 maggio 2023 – Papa Francesco ha la febbre. Cancellate dunque per oggi tutte le udienze. In realtà nella giornata odierna non erano previsti incontri con gruppi, ma il pontefice non ha ricevuto neanche singole persone a causa di una indisposizione.

"Per via di uno stato febbrile, Papa Francesco non ha ricevuto in udienza questa mattina", ha reso noto la sala stampa vaticana. Il Segretario di Stato vaticano, il cardinale Pietro Parolin, però rassicura sulla salute  del Santo Padre. "Il Papa era stanco. Ieri ha avuto una giornata molto molto intensa. Ieri sera mi dicevano che ha incontrato moltissima gente e, nel contesto di questo incontro con la Scholas Occurrentes, ha voluto salutarli tutti e probabilmente a un certo punto la resistenza viene meno", ha spiegato Parolin.

Papa Francesco (Ansa)
Papa Francesco (Ansa)

Lunedì prossimo, comunque, Bergoglio riceverà in Vaticano il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, a cui consegnerà il premio internazionale Paolo VI.

Parlando delle sue condizioni di salute in un’intervista registrata ieri a Telemundo, il Papa ha detto di stare meglio. “Posso camminare ora. Il ginocchio si stava aggiustando e prima non riusciva a camminare. Ora ho camminato di nuovo. Ci sono giorni più dolorosi. Ci sono giorni in cui no, ma fa parte dell'andamento” del disturbo.

In questi giorni, oltre all’impegno per la missione di pace in Ucraina, il Santo Padre ha nominato un nuovo vescovo ausiliare a Roma: don Michele Di Tolve, del clero dell'arcidiocesi di Milano, finora parroco di San Giovanni Battista e di Sant'Ambrogio ad Nemus in Rho. Inoltre ha nominato mons. Garcia Cuerva nuovo arcivescovo di Buenos Aires e i vescovi ausiliari della Diocesi di Oporto, il reverendo Roberto Rosmaninho Mariz (assegnandogli la Sede titolare di Vita) e il reverendo Joaquim Proenca Dionìsio (assegnandogli la Sede titolare di Partenia).