Venerdì 24 Maggio 2024
DONATELLA BARBETTA
Cronaca

Il figlio battezzato da Papa Francesco, la madre: “Un regalo inaspettato"

Il piccolo era nello stesso ospedale del pontefice. La gioia della mamma: “Miguel era scivolato dall’ovetto, abbiamo temuto il peggio. Ora sta meglio”

Papa Francesco

Papa Francesco

Roma, 2 aprile 2023 – “L’infermiera mi ha detto “arriva il Papa”, ho portato il bambino fuori per una benedizione ed è stato anche battezzato: un’esperienza bellissima". La mamma del piccolo Miguel Angel, ormai conosciuto come Michelangelo, è ancora emozionata: allatta il suo bambino al Gemelli e sottovoce ricostruisce quei minuti che non dimenticherà mai.

Le tensioni nella Chiesa: rientro a tempo di record per far tacere le illazioni

Il battesimo non era previsto?

"No. Il Papa si è offerto spontaneamente. Abbiamo parlato in spagnolo, mi ha chiesto perché eravamo lì. Ho spiegato che giovedì era scivolato dall’ovetto e aveva battuto la testa. Poi ha aggiunto: “Se vuoi lo posso battezzare”, risponde Marcela del Rosario Pariona Barcena, 33 anni, peruviana.

Ha accettato subito?

"Certo, è stato un grande onore. Mi ha domandato il nome e poi ha chiesto che venisse portata l’acqua e lo ha battezzato".

E dopo?

"Ha detto così: “È già cristiano. Vai in parrocchia e dì che lo ha battezzato il Papa”. E ha scritto".

Che cosa ha scritto?

"Il certificato di battesimo in spagnolo e lo ha firmato: “Nel giorno della fede ho battezzato Miguel Angel all’ospedale Gemelli".

Quando andrà in parrocchia?

"Appena il bambino sarà dimesso. Non so esattamente quando".

Sono venute a trovarla le poliziotte che l’hanno scortata per arrivare al Gemelli. Che cosa ricorda di quei momenti?

"Ero al volante e tenevo in braccio Miguel Angel e suonavo il clacson. Mio marito piangeva. Quando mi hanno raggiunto, vicino a Porta Maggiore, ho chiesto di accompagnarmi all’Umberto I, era l’ospedale più vicino. Ma poi da lì siamo stati trasferiti al Gemelli".

Adesso qual è il suo desiderio?

"Trasferirmi a Bologna. Mio marito lavora nell’ospedale privato accreditato Villa Laura. Viene a Roma il sabato e riparte la domenica, ma così non possiamo più andare avanti".

Perché non siete ancora riusciti ad andare a Bologna?

"Il problema è la casa, ne cerchiamo una in affitto, ma è difficile. Adesso siamo in cinque, ho altri due figli, di 13 e 11 anni, nati da una precedente relazione".

Dove vi siete conosciuti con suo marito?

"Nel 2021 lavoravamo tutti e due in una casa di riposo in provincia di Roma. Io come operatrice socio sanitaria e lui come manutentore".