Sabato 15 Giugno 2024

Naufragio migranti Crotone, trovati i corpi di altri due bimbi

Salgono a 70 le vittime accertate. Per i superstiti incidente probatorio. La lettera del sindaco di Crotone alla premier: "Qui è mancato il governo". Meloni su Facebook: "Prego per le vittime"

Crotone, 4 marzo 2023 - Il mare restituisce altri corpi a Cutro. E quando si tratta di bambini fa ancora più male. Oggi all'alba i vigili del fuoco hanno trovato in acqua il corpo di un bimbo di neanche 3 anni che faceva parte del gruppo di migranti coinvolti nel naufragio del barcone carico di migranti accaduto domenica scorsa in provincia di Crotone. Il cadavere è stato notato da alcuni volontari che si trovavano sulla spiaggia, mentre a recuperarlo sono stati poi la Guardia costiera e i vigili del fuoco. Nel pomeriggio, a Botricello, è stato poi rinvenuto il corpo di un altro minore, dell'apparente età di 12-13 anni. Le vittime totali accertate sono così 70, di cui 16 minori. Saranno intanto avviate a breve le procedure per l'espatrio di alcune delle salme con la presentazione delle istanze da parte dei familiari delle vittime al Comune di Cutro. 

Il sindaco di Crotone ha invitato la premier a recarsi sul luogo della strage dove "è mancato il governo", e la premier è intervenuta sulla tragedia da Abu Dhabi. Poi ha scritto un messaggio su Facebook: "E' stato trovato oggi sulla spiaggia il corpo di un altro bambino vittima del naufragio di Cutro. E' uno strazio che mi colpisce nel profondo. Una preghiera per questo piccolo e per tutte le altre vittime di questa tragedia. Il governo si batterà con ancora maggiore determinazione per fermare la tratta di esseri umani e impedire che altre tragedie come queste si ripetano". 

Bonaccini e Lepore: "Pronti ad accogliere le salme in Emilia Romagna"

Incidente probatorio per i superstiti

La Procura di Crotone vuole inoltre sentire i superstiti del naufragio per ricostruire l'attività degli scafisti e lo schianto del caicco sulla secca che ha provocato la morte di 69 migranti e un numero di dispersi stimato tra le 27 e le 47 persone tra cui anche molti bambini. Nelle prossime ore, il pm Pasquale Festa, titolare del fascicolo, avanzerà la richiesta di incidente probatorio al gip del Tribunale di Crotone, Michele Ciociola. L'obiettivo dell'Ufficio guidato dal procuratore Giuseppe Capoccia è quello di cristallizzare le prove dei racconti dei sopravvissuti. 

Sarà formalizzata all'inizio della prossima settimana, probabilmente già lunedì, la delega ai carabinieri da parte della Procura della Repubblica di Crotone per l'acquisizione di tutti gli atti relativi alla gestione di Guardia di finanza e Guardia costiera del barcone nell'intento di ricostruire tutte le fasi intercorse tra la segnalazione fatta dall'aereo di Frontex fino al momento del tragico schianto. Nel fine settimana, infatti, il procuratore Capoccia è fuori sede per motivi familiari. Il magistrato dovrebbe rientrare in sede lunedì e insieme a Festa, sarà affidata formalmente ai carabinieri la delega all'acquisizione degli atti nell'ambito del nuovo filone di indagini - al momento contro ignoti e senza ipotizzare un reato - aperto per chiarire quali siano state le decisioni prese dopo la segnalazione di Frontex delle 23.03 di sabato 25, di un barcone a 40 miglia dalla costa calabrese. La Procura intende così accertare quali decisioni siano state prese e se vi siano state falle penalmente rilevanti nella catena dei soccorsi. 

I soccorritori sulla spiaggia di Cutro (Ansa)
I soccorritori sulla spiaggia di Cutro (Ansa)