Venerdì 14 Giugno 2024

Migranti, trovata una donna morta sugli scogli a Lampedusa

Non è ancora sicuro che si possa trattare di una vittima dei naufragi di venerdì scorso

Lampedusa, 28 marzo 2023 - Il cadavere di una donna, con molta probabilità una migrante, è stato ritrovato a Punta Alaimo, zona Capo Grecale, dove sorge il faro di Lampedusa. Ad accorgersi del corpo tra gli scogli sono stati alcuni lampedusani e una turista. È stata avvertita la Capitaneria di porto che a sua volta ha richiesto l'intervento dei vigili del fuoco. La salma non è stata ancora recuperata, ma i pompieri sono al lavoro. Non c'è al momento certezza che possa trattarsi di una vittima di uno dei due naufragi di venerdì scorso in area Sar Maltese. Lo stesso giorno della tragedia furono recuperati 8 cadaveri, fra cui due donne. 

Approfondisci:

Migranti, l'ong Louise Michel si oppone al fermo. Nuovo maxi sbarco a Roccella Jonica

Migranti, l'ong Louise Michel si oppone al fermo. Nuovo maxi sbarco a Roccella Jonica

Migranti: bimbi scalzi all'hotspot di Lampedusa
Migranti: bimbi scalzi all'hotspot di Lampedusa

I superstiti del naufragio: “Ignorati da nave”

"Stremate, mentalmente e fisicamente. Tra le quattro donne che abbiamo assistito, una ha perso il marito e il fratello, un'altra il compagno", ha affermato Michele Alma, psicologo di Medici senza frontiere, alla fine dell'intervento di supporto psicologico alle uniche sopravvissute del naufragio al largo di Lampedusa avvenuto nei giorni scorsi. Erano in 46 su quella barca partita dalla Tunisia. Solo 8 cadaveri sono stati recuperati ad oggi. Nel frattempo, le sopravvissute hanno potuto comunicare alle famiglie che loro sono vive, ma i loro cari purtroppo no. "Ci hanno raccontato - aggiunge - che una nave è passata loro accanto senza fermarsi. Si è creata una grande onda, ha destabilizzato il barcone su cui viaggiavano che si è spezzato. Nessuno degli uomini è riuscito a rimanere a galla, nonostante avessero dei giubbotti di salvataggio". 

I trasferimenti da Lampedusa

I trecento migranti sbarcati ieri ad Augusta dalla nave Diciotti, l’unità della guardia costiera che due giorni fa era salpata da Lampedusa con seicento persone a bordo, hanno trascorso la notte all'interno della tensostruttura del porto di Augusta e ora sono in attesa del trasferimento.

Gli altri trecento sono sbarcati al porto di Catania. La prefettura di Siracusa sta organizzando i trasferimenti in pullman dei migranti sbarcati ad Augusta, con il coordinamento del ministero dell'Interno che comunicherà le destinazioni. I primi cento potrebbero partire già nelle prossime ore.