Morte e devastazione, la Sicilia è in ginocchio e Catania sta annegando. Ieri un automobilista 53enne è sceso dalla vettura allagata, ed è stato trascinato dalla forza dell’acqua. Per lui non c’è stato scampo, si tratta della seconda vittima con un disperso in due giorni. L’altro ieri una coppia di coniugi è stata travolta da un fiume di fango a Scordia. Il corpo del marito è stato ritrovato qualche ora dopo, quella della donna ancora no e si dispera di trovarla in vita. L’effetto di un eccezionale uragano che si è abbattuto sul Mediterraneo è stato devastante e le previsioni meteo per i prossimi giorni al sud sono pessime. Cade copiosa l’acqua su Catania e provincia, allagando piazze che sembrano laghi, con auto letteralmente sommerse e trasformando vie in fiumi...

Morte e devastazione, la Sicilia è in ginocchio e Catania sta annegando. Ieri un automobilista 53enne è sceso dalla vettura allagata, ed è stato trascinato dalla forza dell’acqua. Per lui non c’è stato scampo, si tratta della seconda vittima con un disperso in due giorni. L’altro ieri una coppia di coniugi è stata travolta da un fiume di fango a Scordia. Il corpo del marito è stato ritrovato qualche ora dopo, quella della donna ancora no e si dispera di trovarla in vita. L’effetto di un eccezionale uragano che si è abbattuto sul Mediterraneo è stato devastante e le previsioni meteo per i prossimi giorni al sud sono pessime. Cade copiosa l’acqua su Catania e provincia, allagando piazze che sembrano laghi, con auto letteralmente sommerse e trasformando vie in fiumi in piena che spostano vetture e inondano negozi, case e scantinati. Non sembra conoscere tregua il nubifragio, concede soltanto piccole pause e poi la pioggia torna a cadere con violenza. Oggi il capo della Protezione civile, Fabrizio Curcio, sarà in città.

"Giungono sempre più conferme sulla formazione di un profondo ciclone mediterraneo nei prossimi giorni, che potrebbe assumere caratteristiche tropicali diventando quello che mediaticamente viene chiamato Medicane (da MEDiterranean HurriCANE)", a dirlo il meteorologo di 3bmeteo.com Edoardo Ferrara che avverte: "Purtroppo il maltempo alluvionale dei giorni scorsi in Sicilia potrebbe essere solo un antipasto di una nuova e ancora più severa ondata di maltempo che tra domani e venerdì potrebbe colpire l’Isola, quando il ciclone sembrerebbe fare landfall una volta potenziatosi nei pressi di Malta. Saranno così possibili nuove forti piogge e nubifragi, in particolare su ragusano, siracusano e catanese, con venti burrascosi, raffiche di Levante superiori ai 70-80chilometri orari e violente mareggiate sulle coste ioniche con onde di oltre 2-3 metri. In parte coinvolta anche la Calabria, in primis il reggino, ma piogge abbondanti potrebbero interessare il resto del versante ionico specie tra Locride e catanzarese". La quantità d’acqua scaricata al suolo è la stessa di un uragano, spiega Carlo Cacciamani, meteorologo, nominato dal Consiglio dei ministri alla guida di ItaliaMeteo, l’Agenzia nazionale per la meteorologia e climatologia. "L’acqua che scende come un fiume in piena, io che dall’ufficio vedo due anziani che cercano di attraversare la strada e uno di loro che cade e viene trascinato dalla corrente piovana. Tutto questo non può essere reale: ho visto coi miei occhi lo scenario apocalittico di uno di quei film sui disastri naturali", a raccontare una giornata quasi surreale, vissuta dalla vetrina del suo negozio nel pieno centro della città siciliana, è Francesca Rinaldi, 59enne, rimasta bloccata all’interno del negozio per 4 ore. Il sindaco di Catania ha disposto la chiusura di tutti i negozi, lasciando aperte solo farmacie, alimentari e attività di primissima necessità. Il primo cittadino Salvo Pogliese ha lanciato l’appello a restare barricati: "Esorto tutta la popolazione a non uscire di casa se non per ragioni di emergenza, perché le strade sono invase dall’acqua".

Aeroporto di Catania fermo, scuole chiuse e università serrate con lezioni a distanza fino al 30 ottobre e Piazza Duomo che è diventata un lago. I vigili del fuoco sono dovuti intervenire con dei gommoni per soccorrere diversi automobilisti rimasti bloccati nelle loro auto sommerse dall’acqua in uno degli svincoli dell’Asse dei servizi di Catania. Le persone sono state prelevate dalle vetture, vicino a un centro commerciale, e messe in sicurezza. La Coldiretti rinnova l’allarme per le "conseguenze dei cambiamenti climatici che compromettono anche le coltivazioni nei campi con costi stimati che hanno già superato i due miliardi quest’anno tra perdite della produzione agricola nazionale e danni alle strutture e alle infrastrutture".

Alessandro Belardetti