Sabato 22 Giugno 2024
MARCO PRINCIPINI
Cronaca

La cameriera sparita. Date, orari e smentite. Ora si indaga per omicidio

La 51enne scomparsa tra il 7 e l’8 marzo, i vicini: "Quella sera Mara era a casa". Il datore di lavoro aveva detto che era in pizzeria. L’esposto del fratello di lei.

La cameriera sparita. Date, orari e smentite. Ora si indaga per omicidio

La cameriera sparita. Date, orari e smentite. Ora si indaga per omicidio

Era la notte tra il 7 e l’8 marzo scorsi quando Mara Favro, cameriera in una pizzeria, sparì come se fosse stata inghiottita dal nulla. Nessuna traccia, nessuna telefonata, niente di niente. Un mistero a Chiomonte, in Val di Susa. Ma adesso, a distanza di tre mesi, su quello che inizialmente era stato considerato un probabile allontanamento volontario, si allunga l’ombra di un omicidio.

Il fascicolo, inizialmente aperto senza ipotesi di reato, è stato infatti modificato. Il fratello della donna aveva inviato in procura a Torino un esposto proprio per omicidio e occultamento di cadavere. I carabinieri stanno allargando via via la platea delle persone sentite, a cui si sono aggiunti tra gli altri i vicini di casa.

Le versioni raccolte finora non coincidono in tutto. Le nuove testimonianze creano ulteriori incertezze: parlano infatti di date e orari che collocherebbero la 51enne non al lavoro, cosa questa che era parsa finora un pilastro dell’indagine. Il punto è che ora due testimoni hanno ricordato di averla vista per l’ultima volta nella propria casa proprio il 7 marzo: il primo alle 20.30, il secondo alle 21.30. Questa versione coinciderebbe con il contenuto di un presunto messaggio che la cameriera avrebbe inviato la mattina dell’8 al datore di lavoro, in cui diceva che non avrebbe più lavorato nel locale, messaggio però non più reperibile. Il suo cellulare non si trova e il datore di lavoro, titolare di una pizzeria di Chiomonte, l’avrebbe cancellato. Secondo l’uomo, che lo ha fatto mettere a verbale, "Mara Favro la sera tra il 7 e l’8 marzo è andata via con il pizzaiolo, con la macchina di lui, anche se lui non aveva la patente".

Quest’ultimo l’avrebbe poi lasciata davanti a un pub di Susa. Ma poco prima delle tre di notte Mara sarebbe tornata indietro, grazie a un passaggio di un camionista, perché, sempre a detta del titolare, aveva "dimenticato le chiavi di casa e un pacchetto di sigarette". Poi si sarebbe incamminata sulla statale 24, nuovamente verso Susa. Stavolta a piedi e nel buio per questi poco più di 7 chilometri di distanza. "Non potevo accompagnarla io, visto che non posso uscire dopo la mezzanotte", ha spiegato il titolare del locale. Versione però smentita in parte dal pizzaiolo: "Non ho accompagnato nessuno. Non ho la patente. Lei mi ha dato uno strappo fino al tornante stradale di Susa, perché era venuta a lavoro in auto. Mi disse che la macchina era guasta", racconta l’uomo.

Il pizzaiolo si è licenziato pochi giorni fa e si dice che voglia lasciare il paese. Quanto al titolare del locale, si sente forte della sua versione anche perché "la sera che Mara è scomparsa, alle tre e mezza circa, come ogni notte o quasi, la pattuglia dei carabinieri è venuta a controllarmi a casa". L’uomo è infatti da anni in libertà vigilata dopo una condanna per associazione per delinquere finalizzata al narcotraffico, alla riduzione in schiavitù e allo sfruttamento della prostituzione.