Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
3 gen 2022

"I polpi sono intelligenti". Stop all’allevamento

La protesta in Spagna contro una società che ha investito 50 milioni per allestire l’acquacoltura: "Ridurli in cattività li porta a deprimersi"

3 gen 2022
riccardo jannello
Cronaca
Il polpo Paul che non ha sbagliato un pronostico ai mondiali di calcio del 2010 in Sudafrica
Il polpo Paul che non ha sbagliato un pronostico ai mondiali di calcio del 2010
Il polpo Paul che non ha sbagliato un pronostico ai mondiali di calcio del 2010 in Sudafrica
Il polpo Paul che non ha sbagliato un pronostico ai mondiali di calcio del 2010

Il polpo Paul capiva di calcio tanto da non sbagliare nessuno degli otto pronostici per i Mondiali del 2010 in Sudafrica (agli Europei di due anni prima aveva fatto quattro su sei), ma potrebbe non essere l’unico esempio dell’"intelligenza" dei cefalopodi, a difesa dei quali si sta montando una polemica internazionale molto accesa. Una società ittica spagnola, la Nueva Pescanova, ha investito 50 milioni di euro per costruire il primo allevamento al mondo di polpi attiguo al porto di Las Palmas, la maggiore città di Gran Canaria, isola nell’omonimo arcipelago al largo dell’Africa. Proprio in Spagna, nelle scorse settimane, come è successo in altri Paesi, è arrivato il via libera a una legge che riconosce i polpi come esseri senzienti. Ma i lavori per l’allevamento sono in corso, e secondo l’azienda, a partire dal 2023, ogni anno saranno inviate sul mercato 3mila tonnellate di prodotto. Ma gli scienziati non ci stanno: i polpi sono "essere senzienti" e ridurli in cattività provocherebbe gravi problemi al loro umore, costituendo allo stesso tempo un’operazione "eticamente ed ecologicamente ingiustificabile", come sottolinea Commission in World Farming, un gruppo di attivisti e biologi che, come prima azione, hanno diffidato il governo britannico ad accettare qualsiasi contratto di importazione. I polpi in gabbia, anche se nel loro habitat naturale, potrebbero addirittura deprimersi e arrivare a uccidersi fra di loro. Nueva Pescanova, che ha sperimentato dal 2018 l’allevamento con 50 esemplari, difende il progetto sostenendo che non può che fare bene alla popolazione mondiale dei polpi, che sarebbe in parte risparmiata dalla caccia senza sosta che si svolge in tutti i mari, visto che il cefalopode piace a tutte le cucine. Ma nella scala del pericolo di estinzione delle varie specie marine l’octopus vulgaris siede sul gradino più basso con la classificazione "LC": rischio minimo. Gli scienziati ribattono ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?