I fuorionda di Giambruno: frasi e battute sessiste

Striscia la Notizia trasmette una conversazione tra il compagno della premier e alcune colleghe: “Sei aperturista? Vieni ai nostri incontri. Perché non ti ho conosciuto prima”

Andrea Giambruno, 42 anni, compagno della premier Meloni e giornalista Mediaset

Andrea Giambruno, 42 anni, compagno della premier Meloni e giornalista Mediaset

Roma, 19 ottobre 2023 – Andrea Giambruno, compagno della premier Giorgia Meloni fa ancora notizia. A rivelare le sue frasi imbarazzanti è di nuovo Striscia la Notizia. Che nella puntata di ieri sera ha trasmesso l’audio di una conversazione avvenuta dietro le quinte del programma da lui condotto su Rete4: Diario del giorno. Questa volta - dopo il video trasmesso nella puntata di ieri - lo show satirico di Mediaset ha fatto ascoltare l’audio di alcune conversazioni del giornalista in un’altra occasione. “Posso toccarmi il pacco mentre vi parlo?”, domanda Giambruno, a cui replica una voce femminile: “L’hai già fatto”.

Approfondisci:

Giorgia Meloni lascia Andrea Giambruno. “La mia relazione finisce qui”

Giorgia Meloni lascia Andrea Giambruno. “La mia relazione finisce qui”

“Tu sei fidanzata?”, chiede ancora. “Sì, gliel’hai già chiesto stamattina Andrea”, ribatte la stessa donna. Giambruno ancora: “Sei aperturista? Come ti chiami? Ci siamo già conosciuti? Dove ti ho già vista? Ero ubriaco?”.

Poi l’audio prosegue. “Come amore? Sai che io e ... abbiamo una tresca? Lo sa tutta Mediaset, adesso lo sai anche tu... Però stiamo cercando una terza partecipante, facciamo le threesome. Anche le foursome con .... Però ... generalmente va a Madrid a ciu... Ma hai sco...? C’è fi...? Sc...to?”. “Ascolta - si sente ancora parlare Giambruno -, ti volevo dire una cosa, tu entrerai a far parte del nostro gruppo?”.

“La risposta è: quale?”, replica una donna, e il dialogo fra i due va avanti. “Entrerai a far parte del nostro gruppo di lavoro? Ti piacerebbe?”. “Sì, sì”. “Però devi darci qualcosa in cambio”. “La mia competenza”. "Sì, devi far parte del nostro gruppo. Noi facciamo le foursome". "C’è un test attitudinale?". "Certo". "Cos’è il sottotitolo?". "Si sco..".

Poi il compagno di Meloni si rivolge a un’altra persona. "Le ho detto: ‘vuoi entrare nel nostro gruppo?’. ‘Sì mi piacerebbè. ‘Devi fare le foursome con noì. ‘In che senso?’. ‘Tradotto si sc...’". Quindi interviene un uomo. "Se ti registra Striscia poi vedi te...". "Ma che ho detto raga - ribatte Giambruno -, si ride, si scherza, madonna, veniamo dalla pandemia". "Ma se è finita da 5 anni...", nota una donna. "Manco fossimo all’Agenzia delle entrate", replica il giornalista.

Il tg satirico aveva già beccato altre espressioni “colorite“ e battute “affettuose“ del giornalista. Le prime sul proprio aspetto fisico, le seconde verso una collega. Il tutto questa volta in un fuorionda del programma da lui condotto su Rete4 Diario del giorno. I suoi capelli sono oggetto di battute? "Non mi rompano il c... col ciuffo, ho 42 anni, e ce li ho i capelli, qua dentro sono tutti pelati, ma non mi rompessero i co...ni. Qui c’è gente che bestemmia in onda, mi vanno a guardare i capelli”. Poi, rivolto alla sua collega: “L’unico giudizio che conta per me è quello della Viviana, ma la bellezza di questo blu estoril, una donna acculturata come te dovrebbe saperlo, blu Cina no, non ti si addice, sei di un livello superiore, meglio oggi? Sei di buon umore? Mi è dispiaciuto ieri vederti un po’… Sei una donna intelligentissima, ma perché non ti ho conosciuta prima".

I social si scatenano. Giambruno non è nuovo a esternazioni che fanno discutere: dagli stupri ("se ti ubriachi poi il lupo lo trovi"), al clima (se fa caldo "non è una gran notizia"), all’immigrazione definita "transumanza". Sulla vicenda scherza Fiorello alla radio con una finta telefonata a Meloni: "Giorgia, sei un po’ arrabbiata ancora per il servizio di Striscia? Ma ti posso dire? Ormai si divorzia in 24 ore".

Qualche giorno fa il giornalista, a un incontro pubblico, si era lamentato proprio dell’attenzione sui suoi confronti: "Ormai sono terrorizzato da tutto, appena dico qualunque cosa diventa oggetto di mistificazione".

r. p.