Venerdì 24 Maggio 2024

Femminicidio ad Aosta, dalla Francia concessa estradizione del 21enne sospettato

Accolta la richiesta di mandato d’arresto europeo: l’italo-egiziano di Fermo verrà processato in Italia

Aosta, 2 maggio 2024 - La Francia ha concesso l’estradizione in Italia di Sohaib Teima, il ventunenne italo-egiziano di Fermo sospettato dell’omicidio della sua fidanzata, la 22enne francese Auriane Nathalie Laisne. Lo ha appreso l’Ansa dalla sua avvocata italiana, Lucia Lupi. 

A chiedere la consegna del giovane era stata la procura di Aosta con un mandato d'arresto europeo. Per gli inquirenti tra il 26 e il 27 marzo scorsi, Teima avrebbe ucciso la ragazza e poi sarebbe tornato in Francia. E’ stato arrestato la sera del 10 aprile a Lione. Teima aveva già dato l’assenso per l’estradizione.

Clicca qui se vuoi iscriverti al canale WhatsApp di Qn

Sohaib Teima, il 21 enne di Fermo accusato dell'omicidio della fidanzata. A destra il luogo del ritrovamento del cadavere
Sohaib Teima, il 21 enne di Fermo accusato dell'omicidio della fidanzata. A destra il luogo del ritrovamento del cadavere
Approfondisci:

Uccisa a 22 anni in Val d’Aosta, il procuratore: “È un femminicidio. Quel ragazzo voleva annullarla”

Uccisa a 22 anni in Val d’Aosta, il procuratore: “È un femminicidio. Quel ragazzo voleva annullarla”
Approfondisci:

Il femminicidio di Aosta, l’indagato si sente male in aula. Overdose di farmaci antidepressivi

Il femminicidio di Aosta, l’indagato si sente male in aula. Overdose di farmaci antidepressivi

Il corpo della giovane era stato trovato in una chiesetta diroccata sopra La Salle il 5 aprile.

L’autopsia effettuata sul cadavere della vittima aveva confermato che la 22enne era morta per un’emorragia provocata dalle ferite all’addome e al collo inferte con un coltello. 

Il sospettato era stato visto assieme alla vittima, originaria di Saint-Priest, vicino Lione, nei giorni precedenti il ritrovamento del cadavere, poi era svanito nel nulla, a bordo di un furgone rosso. Fino al ritrovamento in Francia.

La pista principale su cui si concentrano gli inquirenti italiani sarebbe quella del gesto impulsivo a seguito di una lite. Ma non si esclude nemmeno la pista del rito satanista.