Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
26 mag 2022

Due partiti che fanno finta di essere uno

26 mag 2022
raffaele
Cronaca

Raffaele

Marmo

Che cosa ci facciano, nello stesso partito, Conte e Di Maio, è, dunque, uno di quei misteri che l’attuale, inquietante, stagione politica ci consegna come oggetto di domanda e di riflessione. E la risposta non può che rinviare a quel formalismo politico di bieca convenienza e di finta convergenza che per anni gli stessi grillini hanno considerato un esempio iconico di politica politicante.

È del tutto evidente, come dimostra, da ultimo, il caso Cominardi, che ci troviamo di fronte a una situazione di separati in casa che non hanno più niente in comune, nessuna condivisione di valori e di prospettive, nessuna solidarietà di partito. E fin qui siamo, comunque sia, dentro una dinamica tutta interna al Movimento, che, però, interessa ugualmente l’opinione pubblica: e non solo perché parliamo del partito di maggioranza relativa, ma anche perché sarebbe doveroso non prendere in giro ulteriormente milioni di cittadini che hanno creduto e votato per i 5 Stelle.

Il punto nodale, però, è il rapporto con il governo di Mario Draghi. Se Conte e seguaci hanno deciso di praticare una forma di guerriglia verso Palazzo Chigi a colpi di provocazioni, distinguo, veti e ultimatum, allora sarebbe un segno di pulizia politica venire definitivamente allo scoperto e trarre le dovute conseguenze. A quel punto, anche Di Maio dovrebbe per forza di cose salpare verso nuovi lidi, con tutti gli 80-90 parlamentari che fanno capo a lui. Una sana scissione, del resto, metterebbe fine anche a un’altra ipocrisia della politica italiana, quella che vede il Pd anch’esso impegnato a far finta che esista un Movimento con cui allearsi, senza dover fare i conti con le radicali divisioni interne di quel partito.

Di sicuro, però, non appare eticamente e politicamente corretto continuare con questa farsa dello stiamo insieme, ma ognuno la pensa e procede a modo suo. Una farsa che non fa bene al Paese, ma neanche agli stessi grillini e ai loro leader.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?