Mercoledì 12 Giugno 2024

Stop a carne (e cibi) sintetici: multe fino a 60mila euro

Il Consiglio dei ministri ha approvato il ddl Lollobrigida. Ecco cosa prevede

Roma, 28 marzo 2023 – Stop alle bistecche in 3 d. Niente carne, alimenti e  mangimi sintetici. Multe da 10mila a 60mila euro nel ddl appena approvato dal Consiglio dei ministri. Il titolo: “disposizioni in materia di divieto di produzione e di immissione sul mercato di alimenti e mangimi sintetici”. 

Divieto a cibi sintetici, Meloni festeggia con Coldiretti (Ansa)
Divieto a cibi sintetici, Meloni festeggia con Coldiretti (Ansa)

“L’Italia dice no al cibo sintetico”

"L’Italia dice no al cibo sintetico e alla carne sintetica”, afferma il ministro per le Politiche agricole e la sovranità alimentare, Francesco Lollobrigida, commentando il provvedimento. “La norma sancisce il divieto di produzione, commercializzazione, importazione”.

Multe da 10mila a 60mila euro

“La presente legge detta disposizioni in materia di divieto di produzione e di immissione sul mercato di alimenti sintetici”, si legge nella relazione illustrativa del provvedimento. Si stabilisce il divieto di produzione e commercializzazione di alimenti sintetici, il divieto “comprende sia gli alimenti destinati al consumo umano che i mangimi destinati al consumo animale”.

Gli operatori che violeranno le disposizioni saranno soggetti alla sanzione amministrativa pecuniaria “da un minimo di euro 10.000 fino ad un massimo di euro 60.000 ovvero fino al 10 per cento del fatturato totale annuo realizzato nell’ultimo esercizio chiuso anteriormente all’accertamento della violazione, quando tale importo è superiore a euro 60.000, oltre alla confisca del prodotto illecito”.

Stop alla carne sintetica

Il governo in particolare impone uno stop alla ‘carne sintetica’. "Tra gli alimenti sintetici quello su cui si è concentrata maggiormente la ricerca e la produzione è la carne che è il risultato di un processo di coltivazione cellulare operata in laboratorio su cellule animali staminali”, la premessa del ddl.

Cosa sta succedendo in Europa

In alcuni Paesi extra europei - si sottolinea nella bozza del provvedimento - sono in fase avanzata “gli studi finalizzati alla produzione a fine commerciali di tali alimenti” e negli Stati Uniti è arrivato il via libera “alla prima carne di pollo prodotta in laboratorio cioè una carne che si produce facendo sviluppare in laboratorio cellule animali”. “Lo status della ricerca e della sperimentazione degli alimenti sintetici sembra - si rimarca - essere ad una fase embrionale, tale per cui non si è nelle condizioni, scientifiche soprattutto, di poter escludere che tali alimenti prodotti artificialmente, non abbiano delle conseguenze negative per la salute degli esseri umani”.

Le parole del ministro Schillaci

Il provvedimento è "particolarmente significativo, si compone di sei articoli” e “si basa sul principio di precauzione – osserva il ministro della Salute, Orazio Schillaci -. Perché non ci sono evidenze scientifiche su possibili effetti dannosi per il consumo di cibi sintetici. Ma è molto importante e significativo ribadire il massimo livello di tutela di salute dei cittadini e preservare il patrimonio agroalimentare” italiano.