Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Economia Sport Motori Tech Magazine Moda Salute Itinerari

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Per ricordare Dario Bellezza

VEDI I VIDEO “A Pier Paolo Pasolini”  , Dario Bellezza parla della poesia e legge suoi testi , “Andiamo a rubare” , “Ho paura” , Sulla tomba di Dario Firenze, 5 settembre 2018 – Il 5 settembre 1944 nasceva a Roma Dario Bellezza. Il poeta sarebbe poi prematuramente scomparso, stroncato dall’Aids, il 31 marzo 1996. “Che […]

Ultimo aggiornamento il 5 settembre 2018 alle 02:00

VEDI I VIDEO “A Pier Paolo Pasolini”  , Dario Bellezza parla della poesia e legge suoi testi , “Andiamo a rubare” , “Ho paura” , Sulla tomba di Dario

Firenze, 5 settembre 2018 Il 5 settembre 1944 nasceva a Roma Dario Bellezza. Il poeta sarebbe poi prematuramente scomparso, stroncato dall’Aids, il 31 marzo 1996.

“Che poeta è Dario Bellezza?” si domandava a suo tempo Alberto Moravia nel recensire Morte segreta, il libro di Bellezza uscito nel 1976 presso Garzanti, quell’anno vincitore del Premio Viareggio. “È un poeta dalla coscienza, diciamo così, plurima, cioè un poeta che risale alla coscienza di se stesso e da questa alla coscienza della coscienza di se stesso e così via e così via, un po’ come in certi negozi nei quali gli specchi si rispecchiano a vicenda gli uni dentro gli altri, all’infinito”.

Un gioco di specchi protratto nel tempo e nello spazio unicamente per il bacio di Narciso, potremmo interpretare, ed Hauser ci verrebbe in aiuto sottolineando le prerogative di accessorio manieristico che competono alla specchio al pari della maschera, qualora esso si dimostri sottoposto all’uso bizzarro e stravolgente che ne fece il Parmigianino per un suo autoritratto della giovinezza.

Affascinati dalle suggestioni di un simbolo si pensi in questa luce all’impiego di due figure retoriche prevalenti nella poesia di Dario Bellezza come l’ossimoro e soprattutto l’annominatio. È soprattutto quest’ultima che a livello di stile determina quella continua, implacabile e irrefrenabile gibigianna nella poesia della contraddizione e della irrealtà del “manierista” Bellezza: un poeta dolorosamente ed inevitabilmente perduto nel mare della soggettività, impegnato “col niente in mano a potare, l’impossibile, / a mietere la disgrazia di sapersi solo, / abbandonato relitto in un mare in tempesta”.

Paradossalmente, infatti, anche dopo che la confessione autobiografica del poeta si è sforzata di svolgersi all’insegna della massima apertura, alla domanda di chi fosse Dario Bellezza si può rispondere solo in maniera allusiva, per approssimazioni, forse proprio perché per lui stesso, come fu per Amleto, rimaneva in gran parte oscuro e incomprensibile il mistero di chi effettivamente fosse, di dove si situasse il confine tra ciò che in lui era realtà e finzione, libertà e condanna.

Così l’“urlo” di Bellezza, volto nei suoi versi ad esibire violentemente la problematicità di una condizione di diverso, corre il rischio di cristallizzarsi in flashes di silenzi mimati: come di fronte a certi ritratti del Bronzino o del Salviati, che danno l’impressone di non poter essere decifrati fino in fondo e conservano sempre un ampio margine di enigmatico che rimanda continuamente ad altro, anche quando essi farebbero volentieri a meno della maschera impenetrabile dietro cui si nascondono. E non apparirà strano che alle pareti della casa che Pier Paolo Pasolini immaginava per sé in un sogno poetico dovessero essere appesi “antichi quadri, di crudeli manieristi / con le cornici d’oro, contro / gli astratti sostegni delle vetrate”.

Marco Marchi

A Pier Paolo Pasolini

M’aggiro fra ricatti e botte e licenzio
la mia anima mezza vuota e peccatrice
e la derelitta crocifissione mia sola
sa chi sono: spia e ricattatore
che odia i suoi simili. E non trovo
pace in questa sordida lotta
contro la mia rovina, il suo sfacelo.

Dio! Non attendo che la morte.
Ignoro il corso della storia. So solo
la bestia che è in me e latra.

Morte segreta

Ora alla fine della tregua
tutto s’è adempiuto; vecchiaia
chiama morte e so che gioventù
è un lontano ricordo.

Così senza speranza di sapere mai
cosa stato sarei più che poeta
se non m’avesse tanta morte
dentro occluso e divorato,
da me prendo infernale commiato.

Dario Bellezza

(rispettivamente da “Invettive e licenze”, 1971, e “Morte segreta”, 1976)

(1934)

ARCHIVIO POST PRECEDENTI

Le ultime NOTIZIE DI POESIA

NOTIZIE DI POESIA 2012 , NOTIZIE DI POESIA 2013 , NOTIZIE DI POESIA 2014 , NOTIZIE DI POESIA 2015 , NOTIZIE DI POESIA 2016 NOTIZIE DI POESIA 2017 , NOTIZIE DI POESIA gennaio-marzo 2018 , NOTIZIE DI POESIA aprile-giugno 2018 , NOTIZIE DI POESIA luglio 2018 , NOTIZIE DI POESIA agosto 2018

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.