Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Economia Sport Motori Tech Magazine Salute Itinerari

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Le bellezze di Olimpia. Ludovico Ariosto

VEDI I VIDEO Le bellezze d’Olimpia, da “Orlando furioso” , Astolfo sulla Luna secondo Ronconi e Sanguineti , … e la follia di Orlando , “Ben che ‘l martir…” Firenze, 8 settembre 2018 – Ricordando che l’8 settembre 1474 nasceva a Reggio Emilia Ludovico Ariosto. da “Orlando furioso” Le bellezze d’Olimpia eran di quelle che […]

Ultimo aggiornamento il 8 settembre 2018 alle 02:00

VEDI I VIDEO Le bellezze d’Olimpia, da “Orlando furioso” , Astolfo sulla Luna secondo Ronconi e Sanguineti , … e la follia di Orlando , “Ben che ‘l martir…”

Firenze, 8 settembre 2018 – Ricordando che l’8 settembre 1474 nasceva a Reggio Emilia Ludovico Ariosto.

da “Orlando furioso”

Le bellezze d’Olimpia eran di quelle
che son più rare: e non la fronte sola,
gli occhi e le guancie e le chiome avea belle,
la bocca, il naso, gli omeri e la gola;
ma discendendo giù da le mammelle,
le parti che solea coprir la stola,
fur di tanta eccellenza, ch’ anteporse
a quante n’ avea il mondo potean forse.
Vinceano di candor le nievi intatte,
et eran più ch’ avorio a toccar molli:
le poppe ritondette parean latte
che fuor dei giunchi allora allora tolli.
Spazio fra lor tal discendea, qual fatte
esser veggiàn fra piccolini colli
l’ombrose valli, in sua stagione amene,
che ‘l verno abbia di nieve allora piene.
I rilevati fianchi e le belle anche,
e netto più che specchio il ventre piano,
pareano fatti, e quelle coscie bianche,
da Fidia a torno, o da più dotta mano.
Di quelle parti debbovi dir anche,
che pur celare ella bramava invano?
Dirò insomma, ch’ in lei dal capo al piede,
quant’ esser può beltà, tutta si vede.
Se fosse stata ne le valli Idee
vista dal pastor frigio, io non so quanto
Vener, se ben vincea quell’ altre dee,
portato avesse di bellezza il vanto:
Né forse ito saria ne le Amiclee
contrade esso a violar l’ospizio santo;
ma detto avria: – Con Menelao ti resta,
Elena pur; ch’ altra io non vo’ che questa. –
E se fosse costei stata a Crotone,
quando Zeusi l’imagine far volse,
che por dovea nel tempio di Iunone,
e tante belle nude insieme accolse;
e che, per una farne in perfezione,
da chi una parte e da chi un’altra tolse:
Non avea da torre altra che costei;
che tutte le bellezze erano in lei.

Ludovico Ariosto

(da “Orlando furioso”, Canto XI, LXVII-LXXI)

ARCHIVIO POST PRECEDENTI

Le ultime NOTIZIE DI POESIA

NOTIZIE DI POESIA 2012 , NOTIZIE DI POESIA 2013 , NOTIZIE DI POESIA 2014 , NOTIZIE DI POESIA 2015 , NOTIZIE DI POESIA 2016 NOTIZIE DI POESIA 2017 , NOTIZIE DI POESIA gennaio-marzo 2018 , NOTIZIE DI POESIA aprile-giugno 2018 , NOTIZIE DI POESIA luglio 2018 , NOTIZIE DI POESIA agosto 2018

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.