Pd, Montecitorio diventi 'Camera delle deputate e dei deputati'

Deputati dem presentano legge, cambio nome per 'parità genere'

Pd, Montecitorio diventi 'Camera delle deputate e dei deputati'
Pd, Montecitorio diventi 'Camera delle deputate e dei deputati'

Sostituire il nome "Camera dei deputati" con "Camera delle deputate e dei deputati". È questo il contenuto dell'unico breve articolo della proposta di legge costituzionale presentata da due deputati del Partito Democratico alla Camera. A depositare il testo agli uffici di Palazzo Montecitorio sono i parlamentari dem Gian Antonio Girelli e Sara Ferrari. "Con questa proposta di legge costituzionale - scrivono i deputati nell'illustrazione del testo - si vuole intervenire per aggiornare il nome attualmente vigente "Camera dei deputati", in "Camera delle deputate e dei deputati", riconoscendo nella definizione di tale ramo del Parlamento una concreta parità di genere". "Cambia la realtà, - aggiungono - cambia la cultura, cambia la lingua che serve a descrivere il mondo nel quale viviamo. E il nuovo nome che si intende attribuire va proprio in questa direzione". Girelli e Ferrari considerano ormai "superata" la dizione attuale e spiegano: la Camera ha bisogno di essere "smaschilizzata". "Il Parlamento italiano - proseguono - potrebbe ben essere il pioniere di un cambiamento, non solo nominalistico, ma come vero cambio di paradigma, di mentalità, introducendo nella denominazione di uno dei rami del Parlamento, un dato di parità di genere". Nel primo e unico articolo della proposta di legge Costituzionale si chiede che la modifica entri in vigore dalla prossima legislatura.