Giganti del web eludono oltre 50 miliardi di tasse

I 25 maggiori gruppi del web e del software hanno risparmiato 13,6 miliardi nel 2022 e 50,7 miliardi cumulati nei quattro anni 2019-2022 grazie alla tassazione in paesi a fiscalità agevolata. In Italia, nel 2022 hanno versato 162 milioni, con un tax rate del 28,3%.

I giganti del web hanno eluso oltre 50 miliardi di tasse

I giganti del web hanno eluso oltre 50 miliardi di tasse

Nel 2022, circa un terzo dell'utile ante imposte delle principali WebSoft mondiali è stato tassato in paesi a fiscalità agevolata, con un risparmio fiscale di 13,6 miliardi nel 2022 e di 50,7 miliardi cumulati nei quattro anni 2019-2022. L'aliquota media si è attestata al 15,1% nel 2022, inferiore a quella teorica del 21,9%. Nel periodo 2019-2022, la tassazione in Paesi a fiscalità agevolata ha prodotto un risparmio fiscale di 19,2 miliardi per Tencent, 12,3 miliardi per Microsoft e 7,1 miliardi per Alphabet. Lo studio di Mediobanca sui 25 maggiori gruppi del web e del software lo conferma. Se si considera l'Italia, nel 2022 le filiali dei giganti del settore - che hanno generato un fatturato di 9,3 miliardi di euro con circa 26.400 lavoratori, di cui 16.250 di Amazon - hanno versato al fisco italiano 162 milioni, con un tax rate effettivo del 28,3%. Se si considera anche l'accantonamento per il pagamento della Digital Service Tax, il tax rate salirebbe al 36%.