Mercoledì 17 Aprile 2024

Il generatore di immagini IA di Meta non riesce a immaginare un uomo asiatico con una donna bianca

Dopo quella che coinvolse tempo fa Google, nasce una nuova polemica legata alla generazione di immagini con l’intelligenza artificiale

Un'immagine generate da IA

Un'immagine generate da IA

Meta, la compagnia dietro Facebook, ha introdotto "Make-A-Scene", un generatore di immagini basato sull'intelligenza artificiale. Questo strumento promette di trasformare le descrizioni testuali in immagini creative, ma si è scontrato con un ostacolo significativo: la rappresentazione di coppie e gruppi di razza mista. Gli utenti hanno segnalato che, nonostante le descrizioni precise, l'IA ha spesso fallito nel generare immagini corrispondenti, a volte alterando addirittura l'etnia dei soggetti ritratti.

Bias nell'intelligenza artificiale: un Problema di addestramento

L'origine di questi errori risiede nei dati utilizzati per addestrare l'IA. Se i set di dati non sono sufficientemente vari o contengono pregiudizi impliciti, l'intelligenza artificiale può involontariamente perpetuare stereotipi e discriminazioni. Questo solleva questioni critiche sull'addestramento e l'implementazione dell'IA, specialmente in applicazioni che riguardano la rappresentazione umana e la diversità culturale.

La risposta di Meta e l'impegno per il miglioramento

Meta ha riconosciuto le lacune del suo generatore di immagini e si è impegnata a perfezionare la tecnologia. L'azienda ha evidenziato l'importanza di un addestramento dell'IA che specchi la ricchezza e la complessità del tessuto sociale globale. Questo impegno è fondamentale per garantire che l'IA non solo comprenda, ma anche celebri la diversità umana in tutte le sue forme.

Il caso Google e Gemini

Lo scorso febbraio Google annunciò la sospensione temporanea del generatore di immagini di Gemini, il suo sistema di intelligenza artificiale, in risposta a crescenti segnalazioni di inesattezze nelle rappresentazioni storiche. La decisione era stata presa dopo che numerosi utenti avevano notato una serie di errori nel funzionamento del chatbot, in particolare quando richiesto di generare immagini legate a fatti storici. La mossa era arrivata due giorni dopo che un utente, su X (ex Twitter), aveva condiviso i risultati ottenuti chiedendo a Gemini di "generare un'immagine di un soldato tedesco del 1943". In risposta, l'intelligenza artificiale aveva prodotto quattro immagini di soldati: una di carnagione bianca, una nera e due donne asiatiche, risultando quindi completamente errate rispetto alla richiesta.

Verso un futuro di IA equa e inclusiva

Gli incidenti legati a "Make-A-Scene" hanno acceso un dibattito sull'etica dell'IA e sulla necessità di un maggiore controllo e responsabilità. È essenziale che le aziende tecnologiche adottino misure proattive per assicurare che i loro sistemi di IA siano privi di pregiudizi e in grado di rappresentare equamente tutte le persone. Solo così potremo avanzare verso un futuro in cui la tecnologia sia un vero alleato nella promozione dell'inclusività e del rispetto della diversità.