Apple, come saranno i nuovi dispositivi per la realtà virtuale

Continuano i rumors sui nuovi visori di Cupertino che dovrebbero uscire nel 2023: monteranno il cosiddetto l’Iris ID

Visori Tech

Visori Tech

Mentre sono stati da poco presentati i nuovi iPhone e in attesa dei nuovi modelli Mac e iPad, si susseguono in rete le indiscrezioni sui dispositivi più attesi di Apple: i visori per la realtà aumentata e per quella virtuale che – sempre secondo i rumors – dovrebbe chiamarsi Reality One’, ‘Reality Pro’ e ‘Reality Processor’. Le ultime novità, rilanciate in esclusiva dal portale The Information, parlano di un sensore di riconoscimento dell’iride che equipaggerà i nuovi device e permetterà a chi li indossa di essere riconosciuto all’istante ed effettuare anche processi delicati come i pagamenti.

I visori di Apple e l’Iris ID

Il nome scelto per il nuovo sensore dovrebbe essere quello di Iris ID e, proprio come Face ID montato sugli iPhone, dovrebbe permettere il riconoscimento immediato dell’utente che utilizza in quel momento il dispositivo, senza che sia necessario inserire nome utente e password. Un modo per velocizzare l’utilizzo del device tra persone diverse, magari appartenenti a uno stesso nucleo familiare, e rendere sicure e univoche le operazioni più sensibili come quelle dell’home banking e dei pagamenti online. All’interno del visore dovrebbero inoltre essere montate diverse telecamere (si parla di 12 in tutto) che seguiranno costantemente lo sguardo di chi lo indossa per velocizzare il suo utilizzo e consentire una messa a fuoco in tempo reale di ciò che l’utente sta guardando. Il chip all’interno del device dovrebbe essere lo stesso che equipaggia i MacBook Air di ultima generazione, l’M2, prodotto in casa da Apple.

Le differenze con il Meta Quest Pro

Le indiscrezioni rilanciate da The Information riportano anche alcune (importanti) differenze che il nuovo auricolare per la realtà aumentata e virtuale di Apple dovrebbe avere rispetto al modello di visore appena presentato da Mark Zuckerberg, il Meta Quest Pro. A differenza del device di Meta, la visiera anteriore del dispositivo di Apple dovrebbe essere realizzata con un tessuto a rete fatto con alluminio e vetro: un materiale decisamente costoso che dovrebbe far lievitare verso l’alto i prezzi del dispositivo, relegandolo a una fascia di utenti premium. Il visore di Cupertino, sempre secondo le ultime indiscrezioni, sarà dotato di due diversi display ad altissima risoluzione (uno per ogni occhio) e monterà anche un terzo schermo rivolto verso l’alto che mostrerà le espressioni facciali di chi lo indossa.