Martedì 16 Luglio 2024

Wimbledon, russi e bielorussi in campo nel 2023: il torneo inglese cancella il bando

La rivelazione del Daily Mail: organizzatori pronti a cedere alla federazione internazionale e alle associazioni dei tennisti. Potranno giocare con bandiera neutrale

Wimbledon

Wimbledon

Londra, 10 marzo 2023 - Wimbledon è pronta a cedere alle pressioni della federazione internazionale e delle associazioni dei giocatori e a riaprire le porte ai tennisti russi e bielorussi in occasione del prossimo slam in calendario all'All England Club.

La rivelazione del Daily Mail

A scriverlo è il Daily Mail, seguito a ruota da altri tabloid britannici, in assenza per ora di conferme ufficiali. Il torneo inglese era stato l'unico a imporre il bando totale sulla presenza dei russi e dei bielorussi nel 2022 fra i quattro dello Slam, in risposta all'invasione dell'Ucraina portata avanti dalle forze di Mosca col sostegno indiretto di quelle di Minsk. Una decisione interpretata da più parti come frutto delle pressioni del governo britannico, in prima fila sul fronte delle linea dura contro il Cremlino, e quindi di una forma d'interferenza politica sullo sport. Per questo motivo i vertici del tennis avevano deciso di azzerare l'anno scorso l'attribuzione dei punti conquistati a Wimbledon da giocatori e giocatrici partecipanti.

Bandiera neutrale

Ora i responsabili del torneo londinese si sarebbero invece convinti ad allinearsi a tutti gli altri, imponendo ai russi e ai bielorussi l'unico limite di scendere in campo sotto bandiera neutrale e di non poter fare dichiarazioni di sostegno al presidente Vladimir Putin o alla guerra, pena l'espulsione immediata, scrive ancora il Mail.

I dubbi dei giocatori

L'anticipazione non cancella tuttavia al momento i dubbi di campioni come il russo Daniil Medvedev, già numero 1 al mondo dell'Atp, o come la bielorussa Aryna Sabalenka, fresca vincitrice dell'Australian Open, che proprio ieri hanno fatto sapere di essere felici se potranno tornare a giocare sull'erba dell'All England ma di "non contarci" ancora. Lo scozzese Andy Murray ha da parte sua detto di sperare di rivedere a Wimbledon i tennisti russi e bielorussi; ma d'essere pronto a "comprendere" anche l'eventuale conferma del bando.