Venerdì 21 Giugno 2024
FRANCESCO BOCCHINI
Tennis

United Cup, Italia-Brasile 3-2: Berrettini e Bronzetti regalano la vittoria agli azzurri

Decisive le vittorie su Thiago Monteiro e Laura Pigossi. Il team di Santopadre tornerà in campo lunedì e martedì contro la Norvegia

Matteo Berrettini (Ansa)

Matteo Berrettini (Ansa)

Milano, 30 dicembre 2022 - L'Italia stende 3-2 il Brasile nel primo confronto della United Cup di tennis. Dopo la sconfitta di Martina Trevisan con Beatriz Haddad Maia e il successo di Lorenzo Musetti ai danni di Felipe Meligeni Alves, ecco i punti decisivi firmati da Matteo Berrettini Lucia Bronzetti. Il primo, autore di una prestazione ai limiti della perfezione nei propri turni di battuta, ha ragione per 6-4, 7-6, di Thiago Monteiro, mentre la seconda non dà scampo a Laura Pigossi, sconfitta 6-0, 6-2. Il romano si arrende poi nel doppio misto con Camilla Rosatello, con la coppia sudamericana formata da Luisa Stefani e Rafael Matos a festeggiare 6-4, 6-7, 10-4. Un ko comunque ininfluente ai fini del risultato finale. Il team capitanato da Vincenzo Santopadre, inserito nel gruppo E, tornerà in campo al Queensland Tennis Centre di Brisbane lunedì 2 e martedì 3 gennaio per gareggiare con la Norvegia e cercare di centrare la qualificazione ai quarti di finale della manifestazione. 

La soddisfazione di Berrettini

"Sono piuttosto soddisfatto - la parole di Berrettini a Supertennis - E' passato molto tempo dall’ultima volta che ho giocato una partita in singolare quindi non sapevo cosa aspettarmi. Penso che il livello sia stato piuttosto alto. Sono contento per la mia prestazione, ma ovviamente quando giochi in questo tipo di competizioni la cosa più importante è ottenere la vittoria e portare un punto per la squadra ed è per questo che sono ancora più felice. E’ una questione di cuore, soprattutto quando giochi per l’Italia. Quando vedi i tuoi compagni in panchina devi dare qualcosa in più ed è quello che ho cercato di fare. Contro Thiago sono sempre partite difficili: è un tennista davvero tosto. Ma penso di aver giocato meglio nei momenti importanti ed è per questo che ho vinto".

Leggi anche: Melbourne, riecco Nole. E stavolta sorride