Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
25 mag 2022

Schiaffo all’atleta, coach sospeso Petrucci: "Non è una carezza"

Il tecnico di Roma Bongiorno sarà ascoltato il 27 maggio dal Tribunale Federale per l’episodio di domenica

25 mag 2022
Gianni Petrucci, presidente della Federbasket, non vuole minimizzare quanto accaduto domenica a Rieti nella partita tra Roma e Roseto in serie B femminile
Gianni Petrucci, presidente della Federbasket, non vuole minimizzare quanto accaduto domenica a Rieti nella partita tra Roma e Roseto in serie B femminile
Gianni Petrucci, presidente della Federbasket, non vuole minimizzare quanto accaduto domenica a Rieti nella partita tra Roma e Roseto in serie B femminile
Gianni Petrucci, presidente della Federbasket, non vuole minimizzare quanto accaduto domenica a Rieti nella partita tra Roma e Roseto in serie B femminile
Gianni Petrucci, presidente della Federbasket, non vuole minimizzare quanto accaduto domenica a Rieti nella partita tra Roma e Roseto in serie B femminile
Gianni Petrucci, presidente della Federbasket, non vuole minimizzare quanto accaduto domenica a Rieti nella partita tra Roma e Roseto in serie B femminile

E’ stato sospeso dal tribunale federale, su richiesta della Procura Federale, l’allenatore che ha dato uno schiaffo a una sua giocatrice: "sospeso in via cautelare e con effetto immediato il tesserato Luciano Bongiorno, della società Basket Roma ASD, da ogni attività federale e sociale per quanto accaduto in occasione della gara disputata a Rieti tra Basket Roma e Panthers Roseto" La data per la convalida e per l’audizione è stata fissata al 27 maggio alle ore 12, "con facoltà di farsi assistere da un difensore di fiducia, di depositare memorie difensive e produrre documentazione".

Il caso è avvenuto durante una partita di serie B femminile, domenica sera, quando il tecnico avrebbe dato uno schiaffo ad una sua atleta diciassettenne dopo un errore di gioco. "Faccio l’allenatore da 32 anni e non mi è mai successo niente del genere. Sono stato protagonista di un episodio spiacevole e mi scuso per quanto è successo – ha detto Buongiorno –. Conosco l’atleta in questione da quando aveva 6 anni e sono entrato in campo a gioco fermo per spronarla, con un linguaggio del corpo troppo violento e facendo un gesto che dalle immagini appare diverso da quello che in effetti è stato, ovvero una pacca sulla coda dei capelli; non c’era nessun intento diverso, nessuna intenzione di colpirla in alcun modo", ha detto l’allenatore, versione confermata dalla madre dell’atleta. La società laziale ha comunque condannato il gesto, e ieri anche il presidente federale Gianni Petrucci è intervenuto sul caso: "Che importanza ha se lo schiaffo era più o meno forte? È un gesto che non si deve vedere non nel basket, ma nella società. Ora c’è questa sottigliezza sul ceffone: presumo non sia stata una carezza", ha detto Petrucci.

Le associazioni Assist e Differenza Donna hanno chiesto "con decisione l’immediato intervento del presidente del Coni Giovanni Malagò e del Presidente della Fip Giovanni Petrucci, perché l’allenatore venga immediatamente radiato".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?