Koulibaly esulta dopo l'1-0 alla Juve (Ansa)

Torino, 22 aprile 2018 - Un gol all'improvviso, quello di Koulibaly che può valere lo Scudetto per il Napoli. La Juventus finisce ko all'89', una prima volta assoluta per gli azzurri, sempre sconfitti allo Stadium da quando sei anni fa è stato inaugurato. La rete del difensore azzurro cambia la storia e non solo di questo campionato. Adesso i bianconeri hanno appena un punto di vantaggio e un calendario a dir poco in salita, oltre naturalmente al morale sotto i piedi. Guai a dar morti i campioni d'Italia, però l'impressione è che da stasera il vento sia favorevole a Insigne e compagni, che hanno creduto fino in fondo in un successo mai così meritato. 

Serie A, i risultati di oggi. Classifica, gol e marcatori

LA CRONACA - Allegri punta, come all'andata, sul trio offensivo Dybla-Douglas Costa-Higuain. In difesa invece si rivede Howedes, mentre Asamoah vince il ballottaggio con Alex Sandro. Dall'altra parte Sarri conferma l'undici tipo, con Milik almeno inizialmente in panchina. Pronti via ed è il Napoli a farsi preferire. Gli azzurri, come promesso dal proprio tecnico, sono arrivati a Torino con l'intento di imporre il loro gioco ed è quello che fanno. La Juve soffre in fase di impostazione il pressing avversario e perde pure Chiellini per un problema muscolare, ma la prima vera grande occasione del match capita sui piedi di Pjanic, la cui punizione viene deviata dalla barriera sul palo. Sul susseguente corner, è Higuain a impensierire gli ex compagni con un tentativo in acrobazia salvato quasi sulla linea. 

Juventus-Napoli 0-1, Koulibaly (Ansa)

Scampato il doppio pericolo, gli ospiti tornano a comandare le operazioni. Mario Rui impegna Buffon con un cross insidioso, poi Hamsik mette sul fondo dopo un ottimo inserimento. I partenopei restano padroni del possesso palla e in generale della partita, ma non riescono a creare limpide palle gol. E' questo l'unico, grande difetto di una squadra, quella di Sarri, che per il resto funziona come un orologio svizzero. Si va così negli spogliatoi, dai quali non esce Dybala, sostituito per Cuadrado. 

Nonostante il cambio, la Signora continua nella sua piattezza. I padroni di casa si abbassano ulteriormente, concedendo sempre più campo al Napoli. Hamsik ci prova con un altro inserimento, ma la mira è di nuovo sballata. La sfida prosegue stancamente: la Juve non riesce a tessere trame di gioco degne di questo nome, mentre gli azzurri restano inconcludenti. Ma proprio quando il pareggio pare ormai cosa fatta, Insigne si guadagna un corner grazie a un cross che Buffon smanaccia sul fondo. Siamo a un minuto dal termine e fra la selva di maglie in area svetta Koulibaly, che di testa firma lo 0 a 1. Non c'è più tempo per la reazione dei bianconeri, attoniti di fronte alla gioia irrefrenabile di un Napoli conscio di aver scritto una propria pagina della propria storia.

Juventus-Napoli, rivivi la diretta testuale