Guido Migliozzi
Guido Migliozzi

EPILOGO: Ottime prestazione di Guido Migliozzi, quarto con 277 (-11) colpi, e di Lorenzo Gagli, decimo con 280 (-8), nell’Oman Open (European Tour) disputato sul percorso dell’Al Mouj Golf (par 72), a Muscat in Oman.

Ha ottenuto il primo titolo sul circuito il 21enne finlandese di Nokia Sami Valimaki, che dopo aver concluso il torneo con 275 (74 67 64 70, -13) colpi alla pari con il sudafricano Brandon Stone (67 71 67 70), 26enne di Rustenberg con tre successi sul tour, lo ha poi superato con un par alla terza buca di playoff. Entrambi avevano distaccato sull’ultimo green con un birdie quasi simile, ottenuto con un putt di circa sei metri, il francese Adrien Saddier, terzo con 276 (-12), che era giunto in club house molto prima di loro.

Migliozzi è stato affiancato dall’altro finlandese Mikko Korhonen e hanno concluso al sesto posto con 279 (-9) il sudafricano George Coetzee, lo spagnolo Alejandro Cañizares, l’inglese Jordan Smith e il quasi 19enne danese Rasmus Hojgaard, vincitore del recente Mauritius Open, che è stato anche al vertice prima di cedere. Sono terminati in 50ª posizione Edoardo Molinari (286 - 70 72 72 72, -2) e in 73ª Andrea Pavan (294 - 71 72 70 81, +6).

Guido Migliozzi (parziali di 66 72 68 71) ha subito attaccato scendendo di due colpi otto par con tre birdie e un bogey sulle prime quattro buche per portarsi nel gruppo dei primi, poi ha perso terreno nella fase centrale (due bogey) e il birdie alla 16ª per il 71 (-1) non è stato sufficiente per un possibile aggancio in vetta. Lorenzo Gagli (69 70 73 68) è risalito di diciassette posizioni con un 68 (-4), frutto di un eagle, quattro birdie e di due bogey. Sono usciti al taglio dopo due giri Francesco Laporta, 86° con 146 (73 73, +2), e Nino Bertasio, 110° con 148 (72 76), e dopo il terzo Renato Paratore, 74° con 218 (71 73 74, +2).

TERZO GIRO: Guido Migliozzi, settimo con 206 (66 72 68, -10), sarà in corsa per il titolo nel giro finale dell’Oman Open (European Tour) che si sta disputando sul percorso dell’Al Mouj Golf (par 72), a Muscat in Oman. In una classifica molto corta, infatti, il 23enne vicentino, ha un solo colpo di distacco dal sestetto al comando con 205 (-11) composto dal sudafricano Brandon Stone, dai finlandesi Sami Valimaki e Mikko Korhonen, dall’inglese Callum Shinkwin, dal quasi 19enne danese Rasmus Hojgaard, a caccia del secondo successo stagionale, e dall’olandese Joost Luiten, vincitore del torneo nel 2018. Ha perso terreno Lorenzo Gagli, 27° con 212 (69 70 73, -4), e sono poco dietro Andrea Pavan, 36° con 213 (71 72 70, -3), ed Edoardo Molinari, 44° con 214 (70 72 72, -2). E’ uscito al secondo taglio Renato Paratore, 74° con 218 (71 73 74, +2).

Hanno possibilità di competere per la vittoria anche l’inglese Jordan Smith e i francesi Clément Sordet e Adrien Saddier, ottavi con 207 (-9), e l’altro finlandese Kalle Samooja, 11° con 208 (-6). Qualche chance anche per il tedesco Martin Kaymer, da 29° a 12° con 209 (-7) e autore nel secondo turno di una “hole in one” (buca 13, par 3, yards 162, wedge), e praticamente nulle per il cinese Haotong Li, 16° con 210 (-6).

Migliozzi è partito molto forte con quattro birdie in cinque buche, ma successivamente ha rallentato mantenendo i quattro colpi sotto par con un quinto birdie e un bogey (68). Gagli è retrocesso di 17 posizioni con un 73 (+1, tre birdie, quattro bogey), Pavan ha realizzato un 70 (-2) con tre birdie e un bogey e Molinari il 72 del par con tre birdie e tre bogey. Per Paratore 74 (+2) colpi con due birdie, due bogey e un doppio bogey. Il montepremi è di 1.750.000 dollari (circa 1.610.000 euro).

Il torneo su GOLFTV – L’Oman Open viene trasmesso in diretta e in esclusiva su GOLFTV, piattaforma streaming di Discovery (info www.golf.tv/it). Quarta giornata: domenica 1 marzo dalle ore 9 alle ore 13,30. Europort 2: differita dalle ore 23 alle ore 1,30.