Mercoledì 29 Maggio 2024

F1, prove libere live a Monza: bene le Ferrari. Fp1 a Leclerc, Fp2 a Sainz

Ricordata la scomparsa della regina Elisabetta II con un minuto di silenzio. Tante penalizzazioni in vista del Gran Premio d'Italia

Charles Leclerc durante le Fp1 a Monza (Ansa)

Charles Leclerc durante le Fp1 a Monza (Ansa)

Monza, 9 settembre 2022 - Il lungo weekend della Formula 1 a Monza per il Gp d'Italia è iniziato nel segno del ricordo della regina Elisabetta II. Lutto al braccio all'interno del paddock della F1 e minuto di silenzio prima del via al venerdì di prove libere. Il segno di cordoglio per la morte della regina d'Inghilterra è apparso al braccio degli addetti ai lavori, degli uomini della Fia e delle scuderie, in particolare quelle britanniche McLaren, Williams e Aston Martin. Nelle Fp1 il più veloce è stato Charles Leclerc (1'22''410), seguito dal compagno di squadra della Ferrari, Carlos Sainz. Poi la Mercedes di George Russel, Lewis Hamilton e Max Vertappen. Nelle Fp2 è invece stata la Ferrari di Sainz a firmare il giro veloce (1'21''664), davanti a Max Verstappen e Leclerc.

Monza, le qualifiche live. Caccia alla pole in diretta

In pista la Ferrari, con un abbinamento particolare fra rosso e giallo, prova a giocarsela in un Gp storico: Monza infatti celebra i 100 anni dell'autodromo. Impossibile o quasi che il mondiale possa riaprirsi. L'egemonia della Red Bull di Verstappen è nettissima, ma Leclerc vuole comunque continuare a combattere: "Non è una pista che si addice totalmente a noi, ma abbiamo visto sorprese positive e negative finora. Vedremo - ha detto il pilota monegasco della Rossa - prevediamo una Red Bull molto forte. Correre qui per la Ferrari è puro piacere".

Formula Leo: il podcast di Leo Turrini. Episodio 4

Penalità per Sainz

Penalità per Carlos Sainz che, a causa del cambio della power unit, partirà in fondo alla griglia di partenza. Stessa sorte anche per Lewis Hamilton. Le due Red Bull invece sconteranno cinque posizioni, entrambe per sostituzione del motore endotermico. Quella di Max Verstappen è una notizia dell'ultima ora, mentre la situazione di Sergio Perez potrebbe evolversi perché Red Bull probabilmente opterà per nuove modifiche di altri elementi. Partirà dietro anche l'Alfa Romeo di Bottas, mentre la Haas di Mick Schumacher monterà un cambio nuovo. Yuki Tsunoda invece, costretto a scontare 10 posizioni di penalità per reprimenda dopo aver guidato con cinture allentate nel Gp d'Olanda, scatterà dal fondo perché AlphaTauri ne approfitta per cambiare power unit.

Accordo fallito fra Porsche e Red Bull

Porsche e Red Bull hanno annullato la partnership pianificata in Formula 1 dal 2026. "Le due società sono ora giunte alla conclusione congiuntamente che questi colloqui non saranno più proseguiti", si legge in una nota.  "La premessa era sempre che una partnership sarebbe stata basata su un piano di parità, che avrebbe incluso non solo una partnership sui motori ma anche la squadra. Questo non poteva essere raggiunto. Con le modifiche finali alle regole, la serie di corse rimane comunque un ambiente attraente per Porsche, che continuerà a essere monitorata".

Porsche, una filiale della casa automobilistica tedesca Volkswagen, ha tuttavia affermato che un ingresso in F1 non è stato escluso. Audi, un'altra società Volkswagen, ha dichiarato circa due settimane fa che sarebbe entrata nella serie di sport motoristici d'élite tra quattro anni.