Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
22 mag 2022

F1, Gp Spagna 2022: le pagelle di Leo Turrini. Leclerc? Merita 10

Stesso voto anche per Russell. Verstappen da 0. Sainz dietro la lavagna (4)

22 mag 2022
Red Bull's Dutch driver Max Verstappen celebrates on the podium after the Spanish Formula One Grand Prix at the Circuit de Catalunya on May 21, 2022 in Montmelo, on the outskirts of Barcelona. (Photo by GABRIEL BOUYS / AFP)
Max Verstappen (Ansa)
Red Bull's Dutch driver Max Verstappen celebrates on the podium after the Spanish Formula One Grand Prix at the Circuit de Catalunya on May 21, 2022 in Montmelo, on the outskirts of Barcelona. (Photo by GABRIEL BOUYS / AFP)
Max Verstappen (Ansa)

Barcellona (Spagna), 22 maggio 2022 -  Max Verstappen ha vinto il Gp di Spagna di Formula 1, sul circuito del Montmelò. Una gara segnata dal ritiro di Charles Leclerc, dominante con la Ferrari fin dal primo giro, per un problema alla power unit. Sul podio sono saliti il messicano Sergio Perez, per una doppietta della Red Bull, e il britannico George Russell, con la Mercedes. Quarto posto per Carlos Sainz con la Ferrari. Queste le pagelle della sesta tappa del Mondiale di F1

Leclerc 10

E che gli vuoi dire? Aveva vinto, quasi quasi guidava con il gomito fuori. È stato tradito dalla Ferrari. A volte succede, speriamo non accada più.

Russell 10

Questo è un grande. Con la Mercedes sta sistematicamente davanti al sette volte iridato Hamilton. Per lui un podio strameritato. Presto vincerà.

Verstappen 9

Fortunato nella sfortuna. A lungo non gli funziona l’ala mobile per il sorpasso. Lui non si scoraggia e con l’aiuto del muretto sfrutta il crack di Leclerc nel modo migliore.

Perez 8

Quando ti pagano bene per fare il gregario, ci devi stare. Fosse stato lasciato libero di correre, probabilmente avrebbe potuto vincere. Ma è il destino dei camerieri di lusso.

Hamilton 7

Il contatto al via con Magnussen lo penalizza drammaticamente. Pensa addirittura di ritirarsi ma poi inventa una rimonta da campione. Ma è ancora dietro a Russell…

Bottas 7

È lui il simbolo del marchio Alfa Romeo. Sta davanti, è tignoso, esiste e resiste continuando a prendere punti importanti per il team del Biscione. Bravo.

Alonso 6

Sufficienza di stima. Il vecchio leone fiuta l’aria di casa e dal fondo si batte e si sbatte. Onore al veterano, ma siamo sempre lì. Ne vale la pena?

Sainz 4

Non ci siamo. Sbaglia ancora partenza, poi esce di strada, rientra ma non è mai protagonista. Con Leclerc kappao, doveva lottare per la vittoria.

Ricciardo 4

Ormai è un mistero buffo. È considerato un top driver, è pagato come un campione ma poi in pista va troppo piano, anche rispetto al compagno di squadra Norris.

Magnussen 0

Guida la Haas motorizzata Ferrari, allo Start sta in top ten ma subito fa a ruotate con Lewis Hamilton, finendo fuori. Non sarebbe il caso di ragionare un attimo!

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?