Venerdì 14 Giugno 2024
MANUEL MINGUZZI
Formula1

Formula 1, Wolff: “Newey un fattore nel 2022. Simulazioni? Non mi fido più”

Il team principal Mercedes rimane cauto sulle simulazioni effettuate in ottica 2023: anche l’anno scorso erano buone e poi…

Toto Wolff

Toto Wolff

Bologna, 26 gennaio 2023 - La Mercedes cerca di tornare ai vertici dopo un mondiale 2022 deludente, ma Toto Wolff rimane molto cauto sulla velocità della monoposto per il 2023. Le simulazioni della scorsa stagione erano buone con il progetto rivoluzionario con le pance ‘al contrario’, ma il porpoising è stato probabilmente sottovalutato e fin dai primi test sono emersi i problemi della vettura. I sobbalzi in rettilineo hanno limitato la competitività della monoposto e il risultato stagionale è stato chiarissimo: una sola vittoria e lotta al titolo riservata a Ferrari e Red Bull.

Wolff: “Newey determinante”

Al portale Speedweek, il team principal di Mercedes ha parlato delle prospettive per il 2023, in cui i tecnici dovrebbero aver risolto le vecchie problematiche ma con una certa cautela sulle simulazioni. Solo la pista darà i primi reali responsi: “Scopriremo tutto in Bahrain a fine febbraio - le parole di Wolff - Le simulazioni sono buone ma lo erano anche l’anno scorso e poi la vettura si è rivelata poco competitiva”. Sul 2022, invece, Wolff ha ammesso come la presenza in Red Bull di Adrian Newey sia stata determinante considerato che il progettista aveva già lavorato in passato su vetture a effetto suolo: “Credo sia stato un fattore - ancora il team principal - La Red Bull ha beneficiato della sua presenza avendo già operato in F1 con l’effetto suolo. Da parte nostra, invece, pur avendo tecnici straordinari, probabilmente c’è stata sottostima di alcuni aspetti, tra cui il porpoising. Nel complesso penso che una stagione così difficile possa portare ancora più benefici al team nel lungo termine”. Insomma, si scaldano i motori, le presentazioni delle vetture sono vicine, Ferrari il 14 febbraio, e manca di fatto un mese ai test del Bahrain in vista del primo gran premio fissato il 5 marzo. Leggi anche - Moto gp, ecco la nuova Ducati, Bagnaia: "Ho la moto migliore"