L'esultanza del Bologna (Ansa)
L'esultanza del Bologna (Ansa)

Ferrara, 25 gennaio 2020 - Una partita divertente e vibrante quella andata in scena allo stadio Paolo Mazza fra Bologna e Spal. Alla fine l'ha spuntata la squadra allenata da Sinisa Mihajlovic, nonostante l'effimero vantaggio ferrarese durato solamente 75 secondi. A parte quel piccolo fazzoletto temporale che ha visto gli uomini di Semplici sopra di un gol, il Bologna ha giocato meglio meritando la vittoria, grazie soprattutto alla maggiore tecnica dei suoi giocatori. Sugli scudi l'olandese Schouten, sempre preciso nei passaggi corti ed energico nei contrasti a metà campo, bene il solito Tomiyasu (una delle più liete sorprese di questo campionato di Serie A) così come Soriano, Poli e Palacio. Musa Barrow, subentrato a Santander, ha trovato il suo primo gol con la maglia rossoblù.

Serie A, calendario e classifica

CRONACA - Sinisa Mihajlovic, assente in panchina nella prima frazione di gioco, causa emergenza difensiva ha inserito Paz difensore centrale in coppia con Danilo, mentre in attacco ha lanciato la coppia inedita Palacio-Santander, coadiuvati da Riccardo Orsolini. La prima azione pericolosa da parte dei rossoblù (oggi in maglia verde) vede protagonista proprio El Ropero che gira di testa accarezzando il palo dopo un minuto di partita. Al 21', primo episodio incriminato della gara: Federico Di Francesco viene trattenuto in area dall'argentino Paz, l'arbitro Fabbri non fischia ma viene richiamato dal Var. Per l’arbitro è rigore. Petagna realizza spiazzando il portiere Skorupski. Dopo lo svantaggio il Bologna si spinge a testa bassa in attacco e impatta il risultato dopo appena 75 secondi grazie ad una percussione di Soriano con deviazione fatale di Vicari. Al 27′ altra valutazione dubbia di Fabbri: Cionek sbaglia un retropassaggio, Santander si avventa sul pallone e a tu con il portiere Berisha in uscita, gli scaglia addosso la palla che viene deviata. Sullo slancio il portiere ferrarese colpisce l’attaccante che cade in area. L'arbitro prima assegna il rigore per il Bologna, per poi annullarlo andando a rivedere le immagini al Var. 

La ripresa inizia con Sinisa in panchina. Ritrovato il proprio condottiero, il Bologna inizia a macinare gioco e crea tante palle gol. Berisha è bravo a ipnotizzare Soriano e poco dopo Paz sfiora il vantaggio su colpo di testa da calcio d'angolo. Mihajlovic al 60' inserisce Barrow: al primo pallone toccato l’attaccante trova un tiro a giro che si insacca in maniera fulminea all'incrocio dei pali. Dopo il vantaggio il Bologna comanda: al 63′, una bella discesa di Soriano pesca Poli sul secondo palo per il 3-1 che di fatto chiude la gara. Il Bologna può dunque festeggiare la prima vittoria del 2020.