Giovedì 13 Giugno 2024

Caso fatture false, processo Fuori gioco: assolti De Laurentiis, Lotito e Galliani

Il tribunale di Napoli ha prosciolto i big del calcio italiano. Condannato solo Alessandro Moggi per non aver contabilizzato una fattura legata alla cessione di Lavezzi

Aurelio De Laurentiis

Aurelio De Laurentiis

Napoli, 2 marzo 2023 - Raffica di assoluzioni per i big del calcio italiano dalle accuse di irregolarità fiscali nel processo 'Fuori gioco'. La settima sezione penale del tribunale di Napoli ha prosciolto tutti i presidenti o ex presidenti imputati: Aurelio De Laurentiis, Claudio Lotito, Adriano Galliani, Antonio e Luca Percassi, Andrea Della Valle e Luca Campedelli. Assolto anche il calciatore Ezequiel Lavezzi.

Unica condanna per Alessandro Moggi: un anno, pena sospesa, per non aver contabilizzato una fattura relativa a una consulenza per la cessione di Lavezzi. Nei confronti di Moggi, la procura di Napoli aveva chiesto 2 anni e 8 mesi. Sulla condanna per questo filone d'inchiesta la difesa di Moggi ha già annunciato appello. 

La sentenza arriva a sette anni dall'apertura di una inchiesta che fece scalpore nel mondo del calcio. Nel gennaio 2016 i pm della procura di Napoli puntarono l'indice contro "un radicato sistema" per evadere il fisco realizzato, secondo l'accusa, da 35 società di A e di B e da un centinaio tra dirigenti, calciatori e procuratori sportivi. I presunti illeciti sarebbero stati collegati alle operazioni di mercato, attraverso un sistema che da un lato avrebbe sottratto soldi alle casse dello Stato e dall'altro favorito società, calciatori e soprattutto i loro agenti. Un teorema smentito dalla sentenza di oggi: lo stesso Alessandro Moggi è stato condannato per uno solo dei capi di imputazione, legato alla compravendita di Lavezzi per una consulenza prestata nel passaggio del Pocho dal Napoli al Paris Saint Germain.

"Sono super tranquillo, è tutta fuffa", aveva commentato il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis nel giorno della notizia della maxi inchiesta.