Gennaro Gattuso (Ansa)
Gennaro Gattuso (Ansa)

Napoli, 25 agosto 2020 - Ieri è cominciato il ritiro estivo di Castel di Sangro e oggi i due protagonisti più attesi del mondo Napoli si sono concessi a microfoni e taccuini: come sempre le parole di Aurelio De Laurentiis e Gennaro Gattuso sono tutt'altro che banali e fanno trasparire la carica di un ambiente pronto a fiondarsi sulla nuova stagione con più grinta che mai.

Si comincia da quelle del tecnico calabrese, consapevole delle maggiori aspettative riposte sul suo operato per l'imminente futuro ma nient'affatto spaventato dalla crescente pressione. "Io sento la stessa responsabilità di sempre perché so di allenare una grande squadra che deve migliorare il settimo posto dello scorso campionato: per farlo bisogna lavorare a testa bassa". I primi innesti dal mercato sembrano spingere i partenopei verso un'annata più radiosa. "Si parla solo di Osimhen, ma non dimentichiamo Rrahmani: in generale sono contento della rosa ma ovviamente le valutazioni toccano alla società che, tra mancanza dei tifosi allo stadio e non accesso alla Champions, ha perso tanto". Una lacuna potrebbe essere l'assenza di un degno erede di Callejon: non la pensa così Cristiano Giuntoli, che prende la parola per una precisazione doverosa. "Io non mi preoccupo troppo della corsia destra: abbiamo gente come Lozano e Politano che il mister saprà valorizzare, conscio che lo spagnolo è un giocatore unico capace di coprire con lo stesso profitto tutta la fascia. Chi abbiamo ora in rosa forse non saprà difendere così bene, ma in fase offensiva potrebbe dare pure qualcosa di più". Il microfono torna a Gattuso, che fissa l'obiettivo per la prossima stagione. "Puntiamo sempre all'Europa, in particolare alla Champions League: non sarà facile da raggiungere, ma deve essere la casa del Napoli sia per i conti del club sia per la crescita dei giocatori".

I riflettori si spostano su De Laurentiis, che sgancia qualche importante news sul mercato tra dichiarazioni esplicite e velate. "Zielinski ha appena firmato il rinnovo, mentre per il futuro di Koulibaly dovete parlare con quei club che possono permettersi certe cifre". Il patron dà poi i numeri: quanto ha speso per il suo Napoli nelle ultime sessioni? "Se sommiamo gli acquisti dallo scorso ritiro a oggi abbiamo sborsato 300 milioni: al momento in totale abbiamo 36 giocatori in rosa, compresi gli 11 elementi in esubero. Il mister valuterà anche chi è rientrato dai prestiti e poi vedremo il da farsi in una sessione anomala e difficile per tutti".