Messi potrebbe ancora rimanere al Barcellona secondo la società
Messi potrebbe ancora rimanere al Barcellona secondo la società

Roma, 26 agosto 2020 - Barcellona  ancora sotto shock: le voci sul possibile addio di Messi sono diventate sempre più concrete e la società è dovuta intervenire. L'occasione è stata la presentazione ufficiale di Trincao, acquisto già concluso nello scorso mercato di gennaio ma arrivato a Barcellona dopo essere rimasto in prestito allo Sporting Braga, squadra di provenienza, per il finale di stagione. Poca attenzione ovviamente sul giovane portoghese, sfortunato nel veder coincidere la data del suo arrivo con quella del più grande terremoto della storia del club, perché tutto era rivolto alle aspettative su Messi.

Non ha parlato il presidente Bartomeu, che secondo alcune indiscrezioni potrebbe persino dimettersi, anche se ha smentito questa eventualità in via ufficiosa. Ai microfoni il segretario tecnico Ramon Planes, che ha risposto così alle domande su Messi. "Abbiamo detto molte volte che pensiamo a Messi come a un giocatore del Barça. Oggi arriva Trincao e speriamo che trionfi al fianco di Messi, il Barça si è ricostruito tante volte nel corso della sua storia ed è sempre tornato forte. La nostra idea è di farlo attorno al miglior giocatore del mondo". 

Parole che non danno una resa a una trattativa che potrebbe prolungarsi per diversi giorni. Messi si sta appellando a una clausola che secondo il Barcellona è scaduta, ma ciò che si vuole evitare è un muro a muro. La speranza, per una presidenza arrivata al termine dl proprio mandato, con elezioni programmate per il prossimo marzo, è quella di non essere quella che ha fatto scappare Messi, visto che già deve portare il fardello del clamoroso 8-2 di Champions col Bayern.

"Non pensiamo a nessuna clausola contrattuale. Il matrimonio di Messi con il Barça ha dato tanto ad entrambi, tante gioie ai tifosi e internamente stiamo lavorando per convincere Messi, per trovare la soluzione migliore per il Barça e per me" ha concluso Planes, con la speranza che la prossima conferenza non sia quella per giustificare la partenza di Messi.