L'esultanza dei giocatori dell'Atalanta
L'esultanza dei giocatori dell'Atalanta

Torino, 19 maggio 2019 - Festa doveva essere e festa è stata all'Allianz Stadium per Massimiliano Allegri e Andrea Barzagli, al passo d'addio con la Juventus, e in generale per l'intero mondo bianconero, con la squadra maschile e quella femminile premiate per i rispettivi Scudetti. Tanta emozione in campo e sugli spalti, anche perché in una serata tanto speciale non è voluto mancare nemmeno Gigi Buffon, osannato dalla Curva. A sorridere però è pure l'Atalanta, che torna a Bergamo con un 1-1, figlio delle reti nel primo tempo di Ilicic e nella ripresa di Mandzukic, che potrebbe essere decisivo per la Champions League. Ai nerazzurri basterà battere il Sassuolo nel prossimo turno per centrare lo storico traguardo.

Juventus-Atalanta 1-1, rivivi la diretta

Serie A, dirette, risultati e classifica

CHE ERRORE CR7! - Passa meno di un minuto dal fischio d'inizio e Ronaldo ha subito la palla per sbloccare il risultato, ma il portoghese si divora il vantaggio calciando alto da posizione favorevolissima. Sembra il preludio a una Juve arrembante e invece l'Atalanta cresce di minuto in minuto. Al 7' Freuler duetta con Zapata e conclude verso la porta avversaria, trovando la risposta di un attento Szczesny. Il portiere polacco è bravo e fortunato anche sul seguente corner: l'ex Roma dice di no al colpo di testa di Gosens, poi il tiro a botta sicura di Hateboer scheggia la traversa e termina alto. Decisamente meglio i nerazzurri, che al 27' sfiorano nuovamente lo 0-1 con Zapata, la cui conclusione fa la barba al palo.

LA SBLOCCA ILICIC - Poco male per i ragazzi di Giampiero Gasperini, perché al 32' Ilicic approfitta di una dormita della difesa di casa sugli sviluppi di un calcio d'angolo per segnare a porta vuota. La Vecchia Signora prova a reagire, ma la manovra offensiva è imprecisa e sterile. Il primo tempo si chiude quindi con la Dea meritatamente avanti. Dopo la premiazione delle Juventus Women, campionesse d'Italia per il secondo anno di fila, si torna in campo con la squadra di Allegri sicuramente più decisa e a trazione anteriore dopo gli ingressi in campo di Bernardeschi e Mandzukic, quest'ultimo al posto di un Barzagli in lacrime, salutato dalla standing ovation dello Stadium.

PARI MANDZUKIC - Nonostante un atteggiamento maggiormente propositivo, Madama fatica a collezionare occasioni nitide. Anzi, al 71' è l'Atalanta ad andare vicina al raddoppio con la punizione di Ilicic deviata prima dalla barriera e poi da Szczesny. Otto minuti dopo però, ecco l'episodio che cambia la sfida: il cross lungo di Cuadrado imbecca Mandzukic, che in spaccata è bravissimo a bucare sotto le gambe Gollini e pareggiare i conti. Madama adesso vuole vincere e all'83' serve un bell'intervento del numero uno ospite per evitare il 2-1 di Bernardeschi. Allegri si gioca anche la carta Kean, De Roon spreca una ghiotta chance, poi Bernardeschi viene espulso per un brutto intervento. I bergamaschi provano l'ultimo assalto, ma è troppo tardi: finisce con gli applausi dell'Allianz Stadium per i propri beniamini ma pure per gli avversari.

 

Tabellino
 

Juventus: Szczesny; Alex Sandro (1' st Bernardeschi), Bonucci, Barzagli (16' st Mandzukic), Cancelo; Matuidi (40' st Kean), Pjanic, Emre Can; Ronaldo, Dybala, Cuadrado. A disp. Pinsoglio, Del Favero, De Sciglio, Caceres, Chiellini, Rugani, Spinazzola, Bentancur, Nicolussi Caviglia. All. Allegri.  

Atalanta: Gollini; Hateboer, Djimsiti, Masiello; Castagne, De Roon, Freuler, Gosens (17' st Mancini); Gomez (29' st Pasalic); Ilicic (32' st Barrow), Zapata. A disp. Berisha, Rossi, Reca, Pessina, Ibanez. All. Gasperini.  

Arbitro: Rocchi di Firenze.  

Reti: pt 33' Ilicic (I); st 35' Mandzukic (J).  Note: espulso Bernardeschi (J) al 47' st; ammoniti Alex Sandro (J), Hateboer (A).  

Sport, tutti i risultati in tempo reale