Giovedì 30 Maggio 2024
ANTONELLA COPPARI
Calcio

Italia-Svezia, rissa su giovani e stranieri. Anche la politica va nel pallone

Mondiali addio, il ministro Lotti: "Calcio da rifondare". Lite Pd-Lega Italia, è toto-allenatore. Tutti pazzi per Carlo Ancelotti IL RETROSCENA / Ventura minacciò le dimissioni

Il presidente della Figc Carlo Tavecchio e il ministro dello sport Luca Lotti (ImagoE)

Il presidente della Figc Carlo Tavecchio e il ministro dello sport Luca Lotti (ImagoE)

Roma, 15 novembre 2017 - E' difficile dire se il calcio sia davvero una metafora della vita, ma è sicuro che l’anno zero del nostro sport nazionale è un piatto troppo appetitoso perché la politica non ci si tuffi. Tanto più che quindici milioni di italiani, l’altra sera, si sono piazzati davanti alle tv a soffrire e a piangere per l'Italia. Cosicché non c’è da stupirsi se i loro rappresentanti in Parlamento cerchino di toccare le corde dell’emotività collettiva. Naturalmente, seguendo la propria natura, per cui Renzi veste i panni del rottamatore che vuole mandare «tutti a casa» anche a costo di fare autogol: Calderoli (imitato da molti utenti dei social) gli rinfaccia l’ennesima gufata finita male, perché a Expo 2015 disse a Putin che gli azzurri avrebbero vinto il Mondiale in Russia. Salvini, invece, salta in groppa al cavallo di battaglia – la politica anti-immigrati – e cinguetta su Twitter: troppi stranieri in campo, basta invasione, beccando randellate a sinistra: «Sciacallo», lo definisce Renzi. Dalle sue parti, molti si schierano per un cambio totale dei vertici: «Il calcio va rifondato», riassume il ministro dello sport Lotti. La destra, invece, sembra simpatizzare per Tavecchio.

Italia-Svezia, Ventura: "Mai detto alle Iene che mi dimetto". Ma è giallo sulla sua frase

La delusione degli azzurri per la mancata qualificazione (Ansa)

Assenti dal bar Sport dei Palazzi romani sono stati ieri Grillo, che di calcio non si occupa, e Berlusconi che sugli eventi luttuosi non mette mai la faccia e, soprattutto, ha una quantità di interessi calcistici che sono passati anche attraverso l’attuale presidente della Figc, sebbene qualcuno gli abbia sentito dire che «la formazione era tutta sbagliata» e che «la federazione è da azzerare». Peraltro: dietro la sorte di Ventura e di chi l’ha scelto, molti intravedono quella della propria parte politica. Per quanto possa sembrare irrazionale, spesso i risultati politici hanno rispecchiato quelli calcistici. Alla disfatta del 1966, quando la Nazionale di Fabbri fu buttata fuori dai Mondiali da uno sconosciuto dentista coreano, seguì la crisi del centrosinistra moroteo.

Italia-Svezia: incubo per un Paese, sogno per l'altro

Di contro il trionfo in Spagna di Bearzot fu l’inizio dell’ uscita dalla crisi dell’Italia nei primi anni ’80. È probabile che di fronte alla peggior catastrofe calcistica degli ultimi 60 anni, gli aruspici avrebbero consigliato ai greci di non partire per Troia. Si capisce perché a destra si fregano le mani, prefigurando un cambio a Palazzo Chigi: «Questa vicenda va contro chi governa. Anche contro Gentiloni e Renzi», spiega il senatore Malan (FI), mentre la Lega con Salvini e Giorgetti prescrive la ricetta per risalire la china: «Il 20% dei diritti tv deve andare a chi valorizza i nostri ragazzi».

A sinistra si difendono attaccando: «L’eliminazione è un fatto molto grave – dichiara Richetti (Pd) – che necessita di una ripartenza. Le dimissioni sono un atto dovuto». Naturalmente, è complicato calcolare gli umori di rivolta che serpeggiano tra gli italiani delusi. Eppure, ridono amaro sulla rete, «non era poi così difficile vincere. Bastava leggere le istruzioni di Ikea per smontare la Svezia».

image