Romelu Lukaku
Romelu Lukaku

Milano, 15 luglio 2019 - L'amichevole di ieri, giocata praticamente con un attacco ridosso all'osso, sia per le vacanze di Lautaro Martinez che per l'infortunio di Politano, ha spronato la dirigenza nerazzurra ad accelerare alcune operazioni in entrata. Le più calde sono quelle relative a Dzeko e Lukaku.

L'OFFERTA PER IL BELGA - Antonio Conte preme per l'arrivo di un attaccante. E forse ha tutte le ragioni. Lautaro è ancora in vacanza dopo la Coppa America, Politano è infortunato, Icardi ai margini: serve come il pane una punta, soprattutto per la tournèe in Cina. Ecco allora che nelle prossime ore l'inter potrebbe formalizzare e ufficializzare una offerta verso il Manchester United per Romelu Lukaku, il quale non vede l'ora di abbracciare Antonio Conte, definito 'il migliore al mondo'. Fino a qui lo United non ha mai mollato la presa, Solskjaer vorrebbe tenere l'attaccante nelle rotazioni, ma in generale la richiesta è attorno agli 80 milioni. Considerati troppi per l'Inter. Marotta e Ausilio però vogliono produrre il primo passo, ovvero una offerta da 60 milioni più bonus, con la speranza che il Manchester si possa sedere a un tavolo delle trattative. Forse non basterà, ma intanto si può porre una base su cui trattare. Da lì in avanti i due club potrebbero venirsi in qualche modo incontro.

DZEKO E LA ROMA - Ma c'è un altro obiettivo fisso nella mente di Antonio Conte e la dirigenza, Edin Dzeko. Il bosniaco ha deciso di lasciare la Roma e molto volentieri si accaserebbe a Milano dove già Conte, all'epoca del Chelsea, lo aveva richiesto. Anche in questo caso la richiesta del club venditore mal si sposa con l'offerta del club compratore. L'Inter è ferma a circa 12 milioni di euro, i giallorossi ne chiedono almeno 20. I nerazzurri però sperano presto in uno sconto, quando cioè il mercato si avvicinerà alle strette finali e la Roma potrebbe ritrovarsi il giocatore invenduto. Non perché non abbia mercato, ma per il fatto che la scelta di Dzeko pare ormai caduta sull'Inter. Così, mentre per Lukaku l'Inter proverà gli assalti finali a breve, per Dzeko si potrebbe attendere un po' di più. O comunque, l'intenzione della dirigenza è regalare in tempi brevi al tecnico almeno uno dei due attaccanti, in modo tale da poter lavorare più concretamente anche sul reparto avanzato a ridosso del torneo cinese.