Venerdì 24 Maggio 2024

Euro 2032 in Italia, l'ok del Senato. Gli stadi candidati

Figc, Gravina: "Un atto politico di grande valore, perché unanime e trasversale"

Stadio Olimpico di Roma (Ansa)

Stadio Olimpico di Roma (Ansa)

Roma, 8 marzo 2023 - Ok del Senato ai campionati Europei del 2032 in Italia. Riconosciuto il rilievo nazionale di una manifestazione come Uefa Euro 2032.

La risoluzione approvata oggi dalla 7a Commissione permanente del Senato impegna il governo a "sostenere e qualificare la candidatura avanzata dalla Figc per l'organizzazione della fase finale dei Campionati Europei di calcio Uefa Euro 2032, assumendo ogni opportuna iniziativa di propria competenza che valorizzi l'interesse nazionale rispetto a tale evento e alle relative eredita'", fa sapere la Figc in una nota. 

Il governo garantirà anche, conseguentemente, "il necessario supporto per il miglioramento delle infrastrutture sportive nell'ambito di progetti di rigenerazione urbana, senza consumo di nuovo territorio, anche attraverso la configurazione di strumenti che favoriscano lo stanziamento e/o il reperimento di idonee risorse finanziarie, pubbliche e private e individuando procedure che assicurano il completamento degli interventi nei tempi richiesti dalla Uefa, anche attraverso una centralizzazione e una semplificazione delle stesse procedure, mutuando modalità già adottate in occasione di progetti e/o eventi ritenuti di interesse nazionale".

Felice il presidente della Figc Gabriele Gravina, che ha commentato: "Un atto politico di grande valore, perché unanime e trasversale". Gravina ha spiegato gli sforzi della Figc in merito: "Stiamo ultimando un dossier serio e credibile, che presenteremo fra un mese questo importante impegno politico rafforza il percorso che abbiamo tracciato e che ci vede quotidianamente al lavoro con il Ministro per lo Sport Andrea Abodi, che condivide il nostro stesso obiettivo. La nostra candidatura nasce da una visione che si sta facendo progetto, organizzare Euro 2032 può contribuire a dare una prospettiva di sviluppo al calcio italiano e all'intero Sistema Paese. Ringrazio il presidente della Commissione Roberto Marti, tutti i componenti e in particolare il primo firmatario, il Senatore Filippo Melchiorre, che con grande responsabilità e senso delle istituzioni si è impegnato in prima persona per raggiungere questo risultato".

Sarebbero undici le città italiane candidate con impianti pronti ad ospitare le partite della manifestazione: Milano, Torino, Verona, Genova, Bologna, Firenze, Roma, Napoli, Cagliari, Bari e Palermo. Se l'Italia sarà scelta lo si saprà tra settembre e ottobre.