Venerdì 14 Giugno 2024
RICCARDO GALLI
Sport

Jet Bagnaia, ma la partenza è già in salita

Pecco primo nelle prove del venerdì, poi la penalità di tre posizioni nella griglia del Gp. Alle 10,50 la pole, Sprint alle 15. Sorpresa Rins

Jet Bagnaia, ma la partenza è già in salita

Jet Bagnaia, ma la partenza è già in salita

dall’inviato

Un giro, assolutamente perfetto e Pecco Bagnaia ha iniziato a riprendersi il Mugello. Ok, il lampo del venerdì non ha riscontri decisivi per ricalcolare i punti della classifica mondiale, ma per il pilota Ducati era importante e prezioso partire subito bene. Rovina un po’ tutto la penalizzazione che arriva dalla direzione gara: tre posizioni in meno in griglia per aver ostacolato Alex Marquez. In ogni caso è chiaro il messaggio agli avversari: il Mugello, questo più o meno il succo del giro più veloce della prima giornata del Gp d’Italia firmato da Bagnaia, è casa mia. E qui, appunto al Mugello, voglio continuare a comandare io. Le riprove sono attese oggi, quando Pecco proverà a prendersi la pole e poi nella Sprint del pomeriggio, con Bagnaia che vuole riscattare la brutta storia della Sprint persa sette giorni fa a Barcellona.

Bagnaia arriva con alle spalle un pacchetto di sorprese che potrebbero rappresentare una variabile incontrollata e quindi a suo modo rischiosa per chi come Pecco, Martin e Marquez, hanno necessità di raccogliere più punti possibile per mantenere margini di distacco minimi fra di loro in una lotta al titolo che è già (e lo sarà sempre di più) serratissima. Rins, Acosta e Oliveira, hanno spinto al massimo le loro Yamaha, Ktm e Aprilia, a ridosso della Ducati del campione del Mondo, mettendosi davanti all’altra Desmo, quella dei Marquez e del team Gresini. Già, Marc. Velocissimo sulla pista del Mugello e come sottolinea Bagnaia "potrebbe essere l’avversario più duro in questo Gp. Io sono molto contento per quello che ho fatto, ma ho visto che Marquez spinge forte". Ma dietro a Pecco c’è quel Rins che sembrava sparito dai radar e che invece sembra poter prendere per mano la Yamaha per riemergere da un periodo complicatissimo. Bagnaia strizza l’occhio all’avversario e dice: "Occhio anche a Rins. So che hanno lavorato molto bene e il risultato (secondo tempo ndr) del Mugello non è una cosa casuale".

Ma torniamo in Ducati. Chi sembra più in affanno rispetto alle previsioni è Martin, che con la Desmo del team Pramac non è andato oltre il settimo tempo, subito dietro un Bastianini convinto a metà di poter fare bene sulla pista toscana. "Se sono un po’ in tilt per le voci sul futuro? – domanda Martin –. Assolutamente no. Basta che andiate a guardare il passo gara e potete vedere che è buono. Altri sono stati più veloci, ma questo non significa che in qualifica e nella Sprint non torni a mettere la firma su una posizione migliore".

Un’occhiata al lavoro dell’Aprilia. Vinales è stato un jet nelle libere del mattino, poi si è un po’ perso nelle pre-qualifiche. Da capire se il vero Mav sarà il primo o il secondo, con Aprilia che si augura di poter agganciare una prima fila. Continua la sofferenza di Bezzecchi (Pertamina-Vr46) sulla Ducati 2023. Bez ha fatto un paio di giri con tempi vicini ai migliori poi è stato risucchiato alla posizione numero 14.

Il programma. Oggi dalle 8.40 (Moto3) le ultime libere con quelle della MotoGp alle 10.10. Qualifiche MotoGp alle 10.50 e 11.15. Sprint Race alle ore 15. Tutto in diretta tv su SkyMotoGp e in streaming su Now.