Venerdì 14 Giugno 2024

Design and the City La cucina fenomeno

Design and the City  La cucina fenomeno

Design and the City La cucina fenomeno

Caratteristica distintiva è l’anta a telaio con bugna. Stosa ha scelto questa estetica solida e decisa per il modello City, una cucina capace di offrire sensazioni tattili e visive molteplici grazie alle sue finiture materiche. A seconda delle interpretazioni infatti si può declinare in stile vintage, industrial o delicatamente tradizionale. I colori possono essere il rovere bianco, il brizzo, il cumino e il liquirizia e a seconda della nuance scelta darà un tocco rétro o più moderno alle linee non convenzionali del telaio che disegna le ante. Amanti del vintage ma anche adepti del design troveranno in questo modello una piena rispondenza, grazie agli stilemo tradizionali sposati con l’interpretazione in chiave moderna dei materiali. Universo tutto da scoprire, ricco di fascino e suggestioni, il sistema City con il suo effetto legno e Pet, coinvolge sia la vista che il tatto. E qualunque sia lo spazio disponibile, lo occupa e lo valorizza garantendo comfort e funzionalità. La cucina diventa un ambiente multifunzionale, in cui preparare i pasti, godere della convivialità, divertirsi, concedersi del sano relax.

Oltre che un perfetto incontro fra tradizione e design moderno, City di Stosa è anche un sistema strutturato per utilizzare al meglio lo spazio disponibile. Numerose sono infatte le soluzioni messe a punto con questo obiettivo, dalle nuove attrezzature interne dei vari moduli e dei cassetti agli schienali in vetro con accessori magnetici, dalle basi angolari alle dispense con ripiani estraibili. Inoltre è in continua evoluzione e attento alle soluzioni più d’avanguardia e sofisticate come nell’adozione dei top in Neolith, un’alternativa al marmo, alla ceramica e al quarzo composta di materiali in parte naturali come il granito, i vetri minerali e gli ossidi naturali che gli conferiscono cromie infinite. Il processo di realizzazione prevede la sinterizzazione, che sottopone le materie prime a pressione e temperature elevatissime. Il risultato sono superfici dall’estrema resistenza a graffi, alte temperature, agenti chimici e raggi UV, e in grado di respingere le macchie.