Mobile Angel, come funziona lo smart watch contro la violenza sulle donne

Consegnato ai carabinieri di Napoli, Roma, Torino e Ivrea. Le procure decidono a chi assegnarlo

Napoli, 16 dicembre 2023 – Femminicidi e violenza sulle donne: l’ultimo aiuto della tecnologia è uno smart watch. Lo hanno chiamato Mobile Angel, è un orologio salvavita consegnato ai carabinieri di Napoli, Roma, Torino e Ivrea. Per ora sono 50 pezzi, la sperimentazione si è conclusa a novembre.

Approfondisci:

Carolyn Smith e il tumore: “Hanno scritto che ero morta, ci ho riso su. Con la danza insegno alle donne il coraggio”

Carolyn Smith e il tumore: “Hanno scritto che ero morta, ci ho riso su. Con la danza insegno alle donne il coraggio”

Approfondisci:

Saetta, cane robot ‘arruolato’ dai carabinieri. Un fiuto infallibile per esplosivi e sostanze chimiche: il video

Saetta, cane robot ‘arruolato’ dai carabinieri. Un fiuto infallibile per esplosivi e sostanze chimiche: il video

Mobile Angel, cos’è e come funziona

Il telefono viene consegnato alla vittima assieme a uno smartphone e le consente un contatto immediato con i carabinieri. Nella sala operativa c’è proprio uno schermo dedicato. 

Violenza contro le donne, i numeri da chiamare subito
Violenza contro le donne, i numeri da chiamare subito

L’ultimo caso

L’angelo custode elettronico è stato consegnato anche a una 19enne di Napoli che era perseguitata dall’ex con minacce di ogni tipo,anche di morte. Il coetaneo, che non accettava la fine della relazione, la ossessionava e voleva controllare ogni aspetto della sua vita, come hanno potuto accertare le indagini dei carabinieri di Napoli centro. “Cancella gli elenchi maschili dalla rubrica e dai social, attenta a come ti vesti”, alcuni degli ‘ordini’ che le rivolgeva. Il 19enne è stato arrestato con l’accusa di atti persecutori gravi.

A chi viene consegnato il Mobile Angel

L’angelo custode elettronico viene consegnato quando si documenta una situazione di grave pericolo. Permette ai carabinieri di rimanere in contatto con le vittime h24. La geo localizzazione – per la quale è necessario naturalmente il consenso preventivo – consente quindi di sapere dove la persona si trova h24, in qualsiasi parte d’Italia. Ed è la procura a decidere le consegne.

Clicca qui se vuoi iscriverti al canale WhatsApp di Qn