I dispositivi sequestrati dai carabinieri
I dispositivi sequestrati dai carabinieri

Roma, 24 giugno 2021 – I carabinieri di Roma lo hanno definito un “ricettatore on the road” perché, improvvisando una bancarella volante per strada, è stato sorpreso mentre cercava di vendere a dei passanti alcuni cellulari di dubbia provenienza.

È stato così denunciato a piede libero dai militari della stazione Piazza Dante un ragazzo di 29 anni incensurato. Dovrà rispondere sia dell’accusa di ricettazione sia di resistenza a pubblico ufficiale per essersi opposto con forza a un controllo da parte degli uomini dell’Arma.

Il 29enne è stato denunciato a piede libero

L’uomo è stato avvistato ieri all’angolo tra via Principe Amedeo e via Ricasoli, nella zona del mercato rionale di piazza Vittorio del quartiere Esquilino, e, all’arrivo dei carabinieri, si è subito dato alla fuga, tentando di scappare lungo via Ricasoli prima di essere fermato.

Con sé aveva ben sette smartphone, di cui uno risultato rubato lo scorso 22 giugno a una donna di 63 anni. La perquisizione dei militari si è poi spostata sull’auto del 29enne, parcheggiata poco distante: qui sono stati rinvenuti e sequestrati altri tre telefonini, tre tablet e un computer portatile.

Il cellulare rubato restituito alla proprietaria

Infine, all’interno della sua abitazione in zona Prima Valle, sono stati recuperati altri cinque cellulari, tre tablet e un altro pc. In totale, dunque, l’uomo è stato trovato in possesso di 15 smartphone, sei tablet e due computer, sui quali sono ora in corso degli accertamenti.

L’obiettivo sarà quello di accertare l’esatta provenienza dei dispositivi elettronici sequestrati, per appurare se siano o meno anch’essi provento di furto. Dopo aver denunciato il ricettatore 29enne, i carabinieri hanno infine restituito il cellulare rubato alla legittima proprietaria.