Giovedì 18 Aprile 2024

A folle velocità sulla Casilina con una Bmw rubata, si ribaltano e vanno a fuoco: due morti sul colpo e un ferito grave

L’unico superstite è ricoverato in pericolo di vita al Policlinico di Tor Vergata. Sequestrati arnesi per lo scasso trovati nel cofano dell’auto distrutta

Soccorsi sul luogo di un incidente (foto d'archivio)

Soccorsi sul luogo di un incidente (foto d'archivio)

Segni (Roma), 17 marzo 2024 – Percorrono la Casilina a folle velocità, perdono il controllo dell'auto, una Bmw nera risultata rubata, che si ribalta più volte e prende fuoco. Due uomini sono morti sul colpo, un terzo, che era a bordo, è stato sbalzato fuori dall'abitacolo, è stato trasportato in ospedale in gravi condizioni. È successo ieri sera intorno alle 22.30 a sud di Roma, lungo la Statale 6 Casilina all'altezza del comune di Segni, al chilometro 52.500 in direzione Anagni-Colleferro. Sul posto, intervenuti su segnalazione di alcuni passanti, i carabinieri della Stazione di Segni, Gavignano e del Nucleo Radiomobile della compagnia di Colleferro.

Approfondisci:

Bmw a folle velocità sulla Casilina, c'è una quarta vittima: il corpo scaraventato a 300 metri dall’incidente trovato dopo 2 giorni

Bmw a folle velocità sulla Casilina, c'è una quarta vittima: il corpo scaraventato a 300 metri dall’incidente trovato dopo 2 giorni

Cosa è accaduto

Secondo una prima ricostruzione dell’incidente, la berlina con a bordo 3 uomini si è ribaltata e ha preso fuoco dopo che il guidatore, probabilmente per l’elevata velocità, ha perso il controllo mentre percorreva un tratto della Casilina nel territorio di Segni. I vigili del fuoco di Colleferro e Palestrina hanno spento le fiamme ma per due uomini incastrati tra le lamiere non è stato possibile far altro che constatare il decesso. Il terzo, sbalzato fuori dall'abitacolo, è stato trasportato in codice rosso all'ospedale di Colleferro e poi trasferito, per le gravi lesioni riportate, al Policlinico di Tor Vergata dove si trova tuttora ricoverato in pericolo di vita. Nel cofano dell’auto sono stati trovati arnesi atti allo scasso che sono stati sequestrati dai carabinieri. Le salme sono state portate nella camera mortuaria del Policlinico Tor Vergata e identificate grazie anche alle impronte digitali. I tre uomini sono stati identificati: sono di origine albanese, domiciliati a Roma, noti alla giustizia per reati contro il patrimonio.

Se vuoi iscriverti al canale WhatsApp di Qn clicca qui