Meloni: “L’intelligenza artificiale può spazzare via la classe media”

Il presidente del Consiglio ha affrontato i temi legati all’IA in un’intervista al uotidiano giapponese "The Yomiuri Shimbun”

Roma, 5 febbraio 2024 – L’intelligenza artificiale che “può spazzare via il ceto medio” e va regolamentata sul “lato dell’informazione” ma anche il ruolo italiano nel prossimo G7 e quello all’interno delle ultime vicende della Ue. Sono i temi affrontati dal presidente del Consiglio Giorgia Meloni al quotidiano giapponese "The Yomiuri Shimbun”. A riportarne alcuni stralci dei lanci di agenzia.

Giorgia Meloni atterrata a Tokyo dove avrà un bilaterale con Kishida
Giorgia Meloni atterrata a Tokyo dove avrà un bilaterale con Kishida

“A causa dello sviluppo dell'Intelligenza artificiale c'è la "reale possibilità che molte professioni, anche altamente qualificate, vengano rapidamente sostituite da algoritmi, causando crisi sociali e contribuendo ad ampliare il divario tra ricchi e poveri, spazzando via potenzialmente la classe media".

Lo afferma la presidente del Consiglio Giorgia Meloni, in un'intervista al quotidiano giapponese "The Yomiuri Shimbun". "L`anno scorso la Presidenza giapponese del G7 ha svolto un lavoro straordinario nel richiamare l`attenzione su una tecnologia che può generare grandi opportunità ma può anche nascondere enormi rischi per le nostre società. I sistemi di IA generativa possono avere un impatto decisivo sul mondo del lavoro, sull`informazione, sugli equilibri globali e sulla nostra sicurezza. L`Hiroshima AI Process è di cruciale importanza in questo contesto, poiché afferma la necessità di adottare principi guida e un codice di condotta per le aziende che sviluppano l`intelligenza artificiale. Da parte nostra, svilupperemo ulteriormente questo lavoro per garantire che l`IA sia incentrata sull`uomo e controllata dall`uomo, tenendo conto dei principi etici fondamentali dell`umanità", sottolinea Meloni. L'obiettivo sul tema della Presidenza italiana del G7 è "focalizzare l'attenzione dei nostri partner sull'impatto dell'IA sul mondo del lavoro, coinvolgendo non solo le aziende ma anche la società civile e i sindacati per dare risposte a quello che rappresenta un rischio concreto per i nostri lavoratori".

“In questi mesi il governo ha giocato un ruolo chiave a Bruxelles, facendo sentire con autorevolezza la voce dell'Italia e contribuendo al dibattito sui grandi temi”. Lo afferma la premier Giorgia Meloni in un'intervista al quotidiano giapponese Yomiuri Shimbun, rivendicando la “svolta culturale” con cui gli altri Stati e le istituzioni Ue hanno “progressivamente condiviso” la posizione italiana sulla gestione del fenomeno migratorio “privilegiando la dimensione esterna come modalità per limitare le partenze”.