Lunedì 27 Maggio 2024

Incoronata Boccia, vicedirettrice del Tg1: “L’aborto è un delitto, non un diritto”. Ira del Pd: “Inaccettabile”

Le parole della giornalista durante la trasmissione ‘Che sarà’ di Serena Bortone. Maiorino (M5S): “In Francia è in costituzione”

Incoronata Boccia, vicedirettrice del Tg1 (foto Ansa)

Incoronata Boccia, vicedirettrice del Tg1 (foto Ansa)

Roma, 21 aprile 2024 - Scoppia un nuovo caso in Rai. Pd e M5S all'attacco sulle parole della vicedirettrice del Tg1 Incoronata Boccia che durante la trasmissione 'Che sarà' ha parlato dell'aborto come di un "delitto e non un diritto", parole giudicate "inaccettabili" dai Dem.

"Sto per dire parole forti - ha detto Boccia parlando con Serena Bortone -, lungi da me giudicare storie e persone, ma si giudica il principio. Stiamo scambiando un delitto per un diritto. Qua si ha paura, anche la politica, di dire che l'aborto è un omicidio. Non l'ho detto io: quando è stato conferito il premio Nobel per la pace a Madre Teresa di Calcutta hanno tremato i potenti della terra perché quando le hanno chiesto quale fosse il più grande dramma dell'umanità con coraggio quella piccola donna disse l'aborto, non la guerra".

Se vuoi iscriverti al canale WhatsApp di Qn clicca qui

Incoronata Boccia alla conduzione di 'Cento anni di notizie' (Fotogramma)
Incoronata Boccia alla conduzione di 'Cento anni di notizie' (Fotogramma)

"Incoronata Boccia - attacca su X la senatrice del Pd Cecilia D'Elia - vicedirettrice del principale tg pubblico attacca in modo violento una legge dello Stato, e la scelta delle donne. Questa è la Rai di Meloni. Questo non è servizio pubblico".

Chiara Braga, capogruppo Pd alla Camera dei Deputati: "Che cosa spinga una donna a definire delitto un diritto che in Francia è in costituzione, resta un mistero. Di cui lei, la giornalista Incoronata Boccia risponderà alla sua coscienza, ma di cui devono rispondere anche i vertici Rai. Può ancora ricoprire il ruolo di vice direttrice del principale tg del Paese chi offende le donne e le leggi? C’è un problema nella più grande azienda culturale italiana che va dalla censura all’offesa delle leggi dello Stato. Vergognoso e inaccettabile".

Accusa anche la vicepresidente del gruppo M5S al Senato, Alessandra Maiorino: "Tutti sono liberi di esprimere il proprio pensiero, ma è sconcertante sentire la vicedirettrice del Tg1, Incoronata Boccia definire l'aborto 'un delitto' e 'un omicidio' come ha fatto ieri in una trasmissione televisiva del servizio pubblico. Se vuole fare propaganda contro la libertà e l'autodeterminazione delle donne, lo faccia senza oltraggiare quante legittimamente scelgono di interrompere la gravidanza seguendo una legge dello Stato e senza attaccare i medici che garantiscono quel diritto".