Truffa del ‘Made in Italy’ a Napoli: sequestrati 8mila litri di champagne e finto olio extravergine

Un opificio di Striano imbottigliava prodotti alimentari di bassa qualità con etichette fasulle di noti marchi del settore. Trovati anche finti contrassegni del monopolio di Stato

Napoli, 23 dicembre 2023 – Ottomila litri di champagne, olio e alcol di note marche contraffatte. C’erano 100mila etichette adesive di case vinicole pregiate e 150mila contrassegni con l'emblema della Repubblica Italiana nell’opificio abusivo scoperto a Striano, in provincia di Napoli. La guardia di finanza ha sequestrato oltre 8mila litri di prodotti già confezionati, macchinari per l'imbottigliamento e una cisterna da mille litri.

I sequestri sono stati effettuati dalla Guardia di Finanza
I sequestri sono stati effettuati dalla Guardia di Finanza

La truffa

Nell'opificio era allestito un rudimentale circuito di imbottigliamento di olio, apparentemente d'oliva, ma in realtà frutto di una miscelazione di olio di semi di girasole con sostanze coloranti, come clorofilla e betacarotene. La miscela veniva confezionata in taniche e bottiglie sulle quali erano apposte etichette, contraffatte, di noti marchi del settore. Accedendo allo stabilimento i finanzieri hanno sorpreso in flagranza due persone, denunciate all'autorità giudiziaria.

Ministero del Made in Italy: “Difendere i consumatori dalle truffe”

"Il dipartimento per le frodi alimentari Icqrf è impegnato in azioni quotidiane di contrasto agli illeciti, consapevoli della responsabilità di difendere dalle truffe le persone che acquistano mantenendo alto il nome e la qualità del Made in Italy”, dice il capo dipartimento del Ministero dell'Agricoltura.

L'attività, da quanto emerso, era finalizzata alla produzione e al confezionamento di bevande e prodotti alimentari destinati alla vendita nel mercato illecito. L'operazione è scattata all'interno del piano intensificato di controlli messo in atto dal comando provinciale della guardia di finanza di Napoli per contrastare le frodi, anche nel settore alimentare, in vista dell'approssimarsi delle festività natalizie.

Se vuoi iscriverti al canale WhatsApp di Qn clicca qui